La Coltivazione della canapa è
un apratica che è iniziata migliaia di
anni fa; lasua scomparsa dalla faccia
della terra, secondo le direttive della
ONU, deve avvenire entro
il 2008. Basterebbe pensare a questo per rendersi conto
della crimine follia del proibizionismo. Ma non si può tacere
della stupidità di chi, pur potendo coltivare le proprie piante,
sottraendosi così ad un mercato illegale altrettanto criminale,
preferisce alimentarlo consumandone i prodotti. Ma ci sono
tanti che, per motivi terapeutici e, nell'impossibilità di usare
canapa garantita e di buona qualità, si rivolgono ai semi,
terricci e lampade per garantirsi una pianta che corrisponda,
almeno in parte, ai loro desideri.


Il Manuale Cannabis Indoor è
edito dalla Nautilus
C.P. 1311
10100 Torino
cannabis@ecn.org

Si può comperare a 5,24 Euro su
www.marijuanashop.it ,
anche per i distributori (minimo 4 copie)

 

INDICE
.1 La pianta
.2 La coltivazione indoor
.3 Illuminazione
.4 Terreni di coltivazione
.5 I recipienti
.6 Lo spazio e le condizioni ambientali
.7 L'acqua di irrigazione
.8 I nutrienti
.9 Metodo di coltivazione
10 Germinazione
11 Fase della crescita vegetativa
12 Fase della fioritura
13 Determinazione del sesso
14 Impollinazione
15 Ermafroditismo
16 Talea o seme?
17 Procedimento per produrre talee
18 Sistema continuo con impianto triplo
19 Raccolta ed essicazione
20 Malattie e parassiti
21 Alcuni suggerimenti per l'impianto



1. LA PIANTA

La canapa è una pianta erbacea, angiosperma, dicotiledone dell'ordine
delle urticacee e della famiglia delle cannabacee. La marijuana e la canapa
sono la stessa pianta: la cannabis sativa, di cui esistono numerose varietà.
La differenza fra loro dipende dalla quantità di resina, dal contenuto di THC,
dalle dimensioni e dal numero di cime, dalla forma delle foglie, dall'altezza
della pianta, dall'aroma, dall'origine, eccetera. Il THC o tetraidrocannabinolo
è una sostanza psicotropa presente nella resina. Maggiore è la percentuale
di questa sostanza nella cannabis, migliore sarà la sua qualità. La resina contiene,
oltre al THC, anche altri cannabinoidi: tra gli altri, il cannabidiolo (CBD) e il
cannabinolo (CBN) che rivestono una certa importanza perché molto simili al
THC. Altre sostanze organiche chimicamente appartenenti alla famiglia dei
terpeni e flavoni determinano l'odore e il sapore della resina. La canapa comune
contiene una gran quantità di queste sostanze nei suoi fiori ma un basso contenuto
di THC, a volte tanto basso da non essere apprezzabile. La saliva comune
presenta un maggior contenuto di THC quando è coltivata in climi tropicali:
in Africa si trovano sativs molto potenti, così come nei Caraibi e in America
latina. La sativa tende a cana-pizzarsi, diventare cioè canapa da fibra, mano
mano che la coltivazione si allontana dai tropici. La varietà indica della Cannabis
sativa cresce in Asia, Sono piante più basse, molto ramificate e con grandi fiori molto
resinosi. Le sative comuni tropicali crescono con più rami laterali, lamine fogliari


Differenza
tra la forma
della foglia di
una saliva (a
sinistra) e di
una indica (a
destra).




più slanciate e con cime di dimensioni minori. La varietà ruàeroUs
cresce nel nord Europa e presenta quantità variabili di THC, gene-
ralmente basse.
Piantando un seme tropicale nel nostro clima, se le condizioni sono
favorevoli, può mantenere il suo vigore, ma con il tempo, dopo la 6a-
9a generazione, tenderà a canapizzarsi sempre dì più.


2. LA COLTIVAZIONE INDOOR


Se siamo interessati alla coltivazione indoor, dobbiamo considerare
che i semi provenienti da piante coltivate all'aperto, per quanto
siano di buona qualità, avranno bisogno di adattarsi all'ambiente
artificiale. Potrebbero occorrere diverse generazioni di incroci sele-
zionati per ottenere buoni risultati. Nella coltivazione indoor, le
caratteristiche genetiche sono mantenute se si creano le condzioni
favorevoli e si incrociano tra loro femmina e maschio di pianta che
meglio si adattono al microclima creato sotto la luce artificiale,
dando proprio i risultati voluti. E dimostrato che le caratteristiche
genetiche di un seme sono il fattore più importante perché il prodot-
to finale sia di buona qualità. Un "cattivo" seme, anche nelle
migliori condizioni, può dare una bellissima pianta, ma senzo resi-
na e senza odore. Per questo il seme scelto per la coltivazione deve
avere un pedigree o un "lignaggio genetico controllato", almeno la
prima volta.
La pianta ha due fasi vitali: la crescita vegetativa e la formazione di
fiori. Quest'ultima avviene quando la pianta percepisce che la dura-
ta del periodo di luce solare si sta accorciando, cioè quando si
avvicina l'autunno a prescindere dalle dimensioni raggiunte dalla


In un m2 possiamo seminare minimo 12
piantine. Di queste si possono prevedere 6 maschi e
6 femmine che si evidenziano dopo 1 settimana a 12
ore di luce al giorno. Eliminati i maschi e messe ai
margini dell'area le piante femmine più brutte si otter-
ranno 4 piante femmina ben sviluppate in piena illumi-
nazione che potranno rendere dai 100 ai 300 g dì
fiori secchi, nel giro di tré mesi dalla nascita.


pianta. Questa osservazione è importante perché si è scoperto che,
in casa, si può forzare la fioritura, regolando il tempo di esposizio-
ne alla luce artificiale, quando la pianta raggiunge l'altezza deside-
rata.
Qui si troveranno informazioni su impianti già collaudati, con i
quali si possono fare tré o quattro raccolti all'anno, secondo l'im-
pianto utilizzato.
Molti coltivatori iniziano la piantagione in interno, sotto lampade,
per finirla all'aria aperta. Comunque esitano semi adatti sia all'in-
door che all'aperto; soprattutto alla nostra latitudine, le varietà che
gli olandesi coltiverebbero in serra (in inglese "greenhouse") danno
ottimi risultati coltivate sia all'aperto ("outdoor") che al chiuso
("indoor"). La bce del sole contiene molti raggi ultravioletti che bru-
ciano una pianta cresciuta sotto luce artificiale se la si sottopone in
modo brusco o questo cambiamento. Se invece questo cambiamen-
to si fa gradualmente nel tempo di almeno una settimana con espo-
sizione progressiva al sole (inizialmente alle prime ore del giorno e
via via sempre più nei giorni seguenti], l'acclimatozone sarà perfet-
ta.

 

3. ILLUMINAZIONE


La luce che ci appare bianca alla vista, in realtà è com-
posta da più radiazioni luminose con diversa frequenza
corrispondenti ai colori dell'arcobaleno. Le piante ci
appaiono di colore verde perché riflettono, respingen-
dole, le radiazioni luminose di quel colore, mentre
assorbono solo quelle di colore rosso e blu per fare fun-
zionare il loro metabolismo.


Per molti anni sono state adoperate lampade fluorescenti per la col-
tivazione di piante in interno associate ad una lampada ad incan-
descenza che fornisce raggi luminosi nella banda rosso-arancio,
che invece è scarsa nei neon, più ricchi nella banda blu azzurra.
Oggi le lampade ad alta pressione, quelle ai vapori di sodio (HPS)
e quelle agli alogenuri metallici (MH), che vengono usare nell'illumi-
nazione pubblica (autostrade, parchi, stadi...), hanno migliorato il
rendimento delle piante, benché le lampade fluorescenti si continui-
no ad usare e siano eccellenti per le prime fasi dello sviluppo.



Le luci incandescenti e le alogeno producono luce solo nella banda
di radiazioni di colore rosso, non forniscono uno spettro completo e
danno invece molto calore e alti consumi elettrici.
Le lampade di tipo MH sono ideali per la crescita vegetativa e sono
adatte alla germinazione e alla produzione di talee. Danno una
luce generalmente bianca e fredda, concentrata, benché esistano
diversi toni, verso la banda di radiazioni blu.
Quelle di tipo HPS sono ideali per la fioritura e adotte alla crescita.
Solitamente danno una luce arancione, benché siano state ottenute
nuove tonalità, compreso il sodio bianco.


Le lampade fluorescenti con tonalità "bianchissima" o
"bianco freddo" (Osrann: colore 20 / Philips: colore 33),
quelle denominate "luce diurna" (Osram; colore 11/
Philips: colore 86) e quelle di tipo "gro-lux" (Sylvania /
Osram: 77 Fluoro) sono ideali per le talee, la germina-
zione e per la cerscita vegetativa, analogamente alle
MH.


Le lampade per la

fase vegetativa
indoor non sono poi
cosÌ importanti, poiché,
In indoor s cercherà di
abbreviare il più possibi-
le il ciclo di sviluppo, per
poter partire quanto
prima con i 2 lunghic mesi dt fioritura, durante i quali si svolge la
parte più lunga e importante del ciclo vitale della pianta.
Questo perché:

1 - lo spazio è limitato: la profondità efficace delle migliori
lampade da 400 W arriva a circa 50-60 cm dalla cima,
ideila pianta (che è posta a sua volta a 50-60 cm dalla lam-
pada ai vapor di mercurio] e quindi è inutile farle sviluppare
eccessivamente oltre queste misure.

2 -In Indoor lo sviluppo vegetativo ha una velocità più che
doppia rispetto all'aperto anche perché la pianta può conta-
re su condizioni ottimali di illumìnazione a 18 ore/giorno.

3 - Quanto più è breve tutto il ciclo, tanto più è difficile che
si sviluppino molti agenti patogeni, i quali richiedono sem-
pre qualche settimana prima di creare dei danni: si cerca
di essere più veloci di loro!

Perciò per la fase vegetativa, su una superficie di 1 m2 di
vegetazione sono sufficienti 4 neon da 150cm di colore
bianco freddo; appaiati a 1 o 2 lampadine comuni da 75 W
ad incandescenza. I neon si terranno a 5-10 cm dalla cima
della pianta [10 cm appena nate, per arrivare a 5 cm a
partire dalla 13 settimana di vita]. Le lampadine saranno
poste ad una distanza di 40 cm circa (non sì deve sentir
scottare il dorso della propria mano] questa e la distanza
giusta. Se la mano scotta anche la pianta brucerà; se si
sente piacevolmente il calore andrà bene anche per le
foglie.
I neon forniscono il blu della frequenza luminosa, le lampa-
dine il rosso, ti blu favorisce una crescita vegetativa
più cespugfiosa e rigogliosa, mentre il rosso favorisce 'al-
lungamento dei rametti e delle infiorescenze. Questo sem-
plice impianto tenuto all'interno di un'area di coltivazione di
1 m2, con pareti riflettenti la luce, può funzionare benissi-
mo anche per far fiorire le piante e per fare esprerienza
[per le parti del locale è ottimo il colore bianco opaco otte-
nuto con una pittura a tempera; meglio delle superfid a
specchio o metalizzate],
Se il sistema vi persuade e il risultato vi soddisfa potete
optare per l'acquisto di una SON-T o SON-T AGRO 400 \/V:
è tutto ciò di cui avrete bisogno per migliorare il vostro
impianto per il prossimo raccolto sulla stessa area di 1 m2
L'impianto in questione è sufficiente per portare le piante o
le talee ad un mese di crescita vegetativa, che indoor ha
un significato non indifferente: un mese di crescita a 18
ore luce/giornaliere; dai giorno della nascita dal seme,
corrispondono ad una pianta alta almeno 80 cm, ma
potrebbe anche superare il metro! Il consiglio è quello di
far fiorire le piante quando sono alte mediamente 50 cm.
Alcune fermano la propria crescita per esplodere di fiori;
altre proseguono una lenta crescita anche durante la fiori"
tura: ciò può portare a raddoppiare l'altezza entro il temi-
ne della fioritura stessa.


SCHEMA DI MONTAGGIO

1- Lampada ai sodio da 400 watt
3- Portalampada
3- Starter
4- Reattore
5- Condensatore
6- Allacciamento alla rete

Se non rimane alternativa, con qualsiasi lampada ad alto pressione
o anche con un buon impianto di lampade fluorescenti, si può rea-
lizzare tutto il ciclo. La potenza di queste lampade (HP) è di 150,
250, 400 e 1000 W. Una lampada da 1000 W costa almeno ÌÌ
triplo di una da 400 e su una superficie di 1 m2 conviene utilizzare
una lampada da 400 W piuttosto che due da 250 W.
Non sono raccomandabili lampade di potenza infe-iore a 250 W.
Le lampade ad alta pressione hanno supporti molte pesanti e devo-
no essere ben fissate con catene o pulegge. Conviene montare i
supporti a parie e fissare il paralume e la lampadina a uno puleg-
gia, doto che dovrà continuare a salire man mano che le piante
crescono. Oppure lampade in orizzontale con piante in linea con-
tro un muro riflettente.
E indispensabiis consultare uno specialista per imperare a installare
bene una lampada con queste caratteristiche se non si hanno le
conoscenze adsguate. Questo avvertimento è necessario non tanto
per la difficoltc del montaggio che per il pericolo costituito da un
impianto mal fatto. Attenzione ad isolare bene dall'acqua
l'impianto elettrico e soprattutto il trasformatore che
rischia di esplodere se viene in contatto con essa.

 


ILLUMI NAZIONE


Bulbi HPS
Le lampade ai Vapori di Sodio (HPS3 sono ricche di toni rossi
ed arancioni dello spettro luminoso e il tipo di luce emessa è
paragonabile a quella del sole di fine estate: questi colori favo-
riscono la produzione dei fiori e l'allungamento dei rami, fino al
20% ed oltre. Purtroppo le HPS mancano completamsnte
della parte blu dello spettro luminoso, devono quindi essere uti-
lizzate in combinazione con quelle agli Ioduri Metallici [MH] o
scelte tra quelle della nuova generazione (Serie AGRO) proget-
tate specificamente per l'agricoltura,
Bulbo HPB SYLVANIA SUPER da 400 watt (55.000 lumen]
£. 80.OOO
Bulbo HPS SYLVANIA SUPER da 600 watt [85.000 lumen)
£. 80.000
Bulbo HPS PHILIPB SOM-T PLUS da 400 watt (55.000 tumen)
£. 68,000
Bulbo HPS PHÌLÌPS SON-T da 600 watt [90.000 lumen)
£. 115.000
Bulbi HPS Serie "AGRO".
Versione evoluta dei tradizionali bulbi HPS realizzati espressa-
mente per l'iiluminazione in orticoltura e floricoltura, i bulbi
della serie AGRO sono stati arricchiti di luce blu per poter sod-
disfare i bisogni delle piante sia durante la crescita vegetativa
che durante la fioritura, utilizzando un soto tipo di lampada
Bulbo HPS da 400 watt PHILIPS SON-T AGRO [53.000 iumen)
£. 8O.OOO
Bulbo HPS da 400 watt SYLVANIA GROLUX [58.000 lumen)
£. 70.000
Bulbi MH [Ioduri Metallici].
Le lampade agli Ioduri Metallici [MH] hanno uno spettro lumino-
so ben bilanciato, con una concentrazione lievemente più alta
di raggi blu e violetti rispetto alle lampade HPS, pertanto seno
indicate per la fase di crescita vegetativa e il mantenimento
delle piante madri. Le lampade MH aiutano la pianta a restare
corta e folta, con un fogliame compatto. Le piante più folte
sono più forti, più resistenti alle malattie, ed in generale produ-
cono un raccolto superiore rispetto a piante sottili e affusolate.
Bulbo MH da 400 watt PHILIPS HPt-T (30.500 lumen
£. 135.000
Bulbo MH da 400 watt PHILIPS HQI-T (30.500 lumen
£. 115.000
Per ottenere una resa simile a quella di un'HP con lampade fluore-
scenti, sarà necessario un supporto piuttosto pesante e di difficile
maneggio. Dobbiamo pensare che un watt di luce di una lampada
ad alta pressione da più luce di un watt di luce fluorescente.
Esistono supporti con movimento circolare o laterale, su cui si instal-
lano una o più lampade, che riescono a raddoppiare l'area di colti-
vazione, muovendosi sul soffitto della stanza; purtroppo sono molto
costose ma danno buoni risultati.
Le lampade ad alta pressione, specialmente le MH, richiedono una
posizione orizzontale perché le inclinazioni alterano il loro funziona-
mento: sarà quindi utile usare una livella da muratore per installarle.
Alcuni modelli Funzionano in verticale, ma la loro resa è minore.
Lampade raccomandate
_Lampada al sodio SON-T AGRO 400 W (Philips), ideale per la
crescita e la fioritura.
_ Lampada al iodio SON-T 400 W, ideale per la fioritura.
Queste lampade possono essere montate in un kit con paralumi e
supporti e sono ideali per un'area di 1 80 x 60 cm (SGR 200,
Philips).
_ Lampada agli alogenuri metallici HPI-T 400 W con kit (supporti +
schermo) MGR 300. ideale per coltivare un'area di 180 x 60 cm.

Nell'impianto che verrà illustrato più avanti, saranno illuminate due
aree di 1 80 x 60 cm. Una di crescita, illuminata da una lampada
da 100 W ad incandescenza (che fornisce il "rosso") e sei lampa-
de fluorescenti di 120 cm (oppure da 150 cm, più efficaci); l'altra,
per la fioritura, illuminata con un'HPS tipo SON-T da 400 W.
La distanza raccomandabile fra la lampada e la punta delle piante
dipende dal tipo e dalla potenza della lampada: con le fluorescen-
ti, la distanza dovrà essere tra i 5 e i 10 cm. La distanza per
un'HPS da 400 W sarà tra i 50 e i 60 cm.
Alcune specie soffrono con una distanza minore, ma se si nota che
le foglie superiori si bruciano verso la cima, sintomo inequivocabile
di eccessiva vicinanza alla luce, si dovrà aumentare lo distanza tra
la pianta e la fase di luce.
Le necessità di illuminazione della cannabis per una buona fioritura
sono tra i 40.000 e i 50.000 lumen per metro quadro alla distanza
raccomandata. Una HP da 400 W raggiunge questo livello di luce.

 

4. TERRENI DI COLTIVAZIONE


II mezzo di coltivazione è la "terra". Con questa parola,
in termini più propriamente agrochimici, si intende un
miscuglio di vari composti, tale che vi siano contenuti
acqua, aria, inerti, nutrienti. Ma fra la terra che si può prendere
da un orto e la miscela inorganica più sofisticata utilizzata nelle colti-
vazioni idroponiche (in cui l'alimento viene somministrato attra/erso
l'acqua tramite ingegnosi sistemi di irrigazione automatizzata) vi è
un'ampia gamma di mezzi che si possono adoperare. In un impianto
di base non si userà un metodo complicato, ma occorre ricordare che
tutto ciò che si utilizza dev'essere sterilizzato; inoltre non bisogna
adoperare terre vecchie o provenienti dall'esterno, perché potrebbero
avere malattie (si può far tostare in forno la terra, per sterilizzarla,
ma è molto laborioso). I terricci per piante da interno che sono vendu-
ti confezionati nei sacchi solitamente sono sterilizzati, cioè senza
uovo di parassiti o semi di erbe infestanti.
La cosa migliore è prepararsi la propria miscela com-
prando i materiali separatamente e mescolandoli bene
tra di loro.

Le tré caratteristiche fondamentali dei materiali da utilizzare in una
miscela sono:
1- NUTRIMENTO, che apporta gli elementi minerali di cui la panta
ha bisogno per il suo sviluppo.
2- ACQUA, sia il DRENAGGIO cioè un buono scolo dell'acqua in
eccesso, che il grado di RITENZIONE dell'acqua assorbita e trattenu-
ta dal materiale in quantità adeguata.
3- ARIA, una struttura del terreno che gli permetta di asciugare
periadicamente, con un drenaggio facile, evitando che la terra sia
tanto compatta da limitare lo sviluppo e la respirazione delle radici.

Sarebbe ideale una terra che combini bene i tré elementi.
Nelle coltivazioni idroponiche le miscele usate sono totalmente inor-
ganiche, i nutrienti sono assenti. In quelle tradizionali all'aperto si usa
materiale organico senza sterilizzazione, poiché entrano in gioco
molti più fattori che creano l'equilibrio biologico-nutrizionale dei terre-
ni. Qui proponiamo una miscela semiorganica i cui componenti siano
già sterilizzati, perché riteniamo sia il modo più comodo e semplice.

MATERIALI ORGANICI

ammendanti ORGANICI: sono composti da materia organica di origi-
ne animale (letame) o vegetale (compost) decomposta. Sono eccellen-
ti nutrienti, ma vanno lasciar compostare per due anni se non si vuole
che contengano uova di insetti, spore o semi di erbacce. Esistono pre-
parati sterilizzati della stessa origine che ci daranno più garanzìe. Se
utilizzati in eccesso, riducono il drenaggio gonfiandosi d'acqua, ren-
dono la miscela molto comparta e acida. Per questo non devono
superare il 10% dello miscela.

Substrato veghale o "compost": terra preparata per piante indoor
a base di materiale vegetale già decomposto al 100%, di almeno
due anni. Contiene molti nutrienti e trattiene anche molta
acqua; il ph è in funzione del materiale di partenza, in genere
tende all'acido (acidi humici).

Torba di sfagno / bionda: trattiene l'umidità. Lo maggior parte
delle torbe in commercio sono torbe di sfagno, ed è uno dei compo-
nenti dei preparati per le piante indoor. Siccome trattiene molta
acqua, col tempo inacidisce. Quella "bionda" è più adatta dato che
si compatta di meno e non è così acida.

Cocco: simile ala torba, ma si compatta e si inzuppa di meno.

Humus di lombrico: "letame di lombrico" ossia terriccio elaborato e
arricchito nell'intestino dei lombrichi. E un ottimo nutriente e un
elemento idoneo per una
miscela, in proporzione non
superiore al 10% del volume
totale del mix, a causa della
sua tendenza ad inacidire

MATERIALI INORGANICI
Molti di questi materiali sono stati
ideati come isolanti per l'industria e
poi, date le loro caratteristiche,
sono stati utilizzati in giardinaggio.
Alcuni di questi devono essere

maneggiati umidi, per-
ché la loro polvere è noci-
va ai polmoni, quando è
presente nell'aria del-
l'ambiente in cui si respi-
ra. Quando i materiali sono
asciutti sono pericolosi da
maneggiare perché la polvere
leggerissima è libera di alzarsi.
Nessuno dei materiali che
descriviamo contiene nutrienti;
in idrocoltura si usano al posto
della terra.
Perlite, detta anche Agrilite
(N.B.: non maneggiare asciut-
ta): vetro espanso, in forma di
piccoli granuli bianchi che si
sminuzzano alla pressione. E
molto leggera e drena molto
bene l'acqua, pur permettendo
a una parte di essa di aderire
alla sua superficie irregolare.
Da una buona aerazione. E un
componente importante.
Conviene bagnarla prima di
maneggiarla.
Zeolite: minerale preferibile
alla perlite dato che è una sab-
bia naturale di origine vulcani-
ca.

Vermicolite: mica (minerale siliceo) espansa con il calore. Trattiene
l'acqua nelle sue fibre in gran quantità permettendo, nel
contempo, una buona aerazione. E molto leggera ma non con-
sente un buon drenaggio. E un isolante termico e viene venduta in tré
dimensioni. La più fine si usa per la germinazione e le talee come
substrato principale. Le più grosse si utilizzano nelle miscele.
Maneggiare umida.

Argilla espansa (lega): palline di argilla espansa che permettono
una buona aerazione e un buon drenaggio e trattengono poco l'umi-
dità. Si adopera nelle miscele e come fondo di drenaggio.

Lava o pietra vulcanica: ha le stesse caratteristiche dell'argilla espan-
sa, ma è naturale e poco più pesante. Forse trattiene più umidità
perché la sua superficie è più porosa, conserva meglio i nutrien-
ti rispetto alla leca.

Sabbia grossa: quella usata nel giardinaggio, per gli acquari, o
anche quella usata in edilizia, che però va prima lavata. Ha le stesse
caratteristiche della vermiculite ma consente un drenaggio maggiore
ed è molto più pesante.

Sabbia fine di fiume lavata (tipo "ticino"): si adopera nell'edilizia
per fare l'intonaco. Ottimo componente, un po' di sabbia fine non
dovrebbe mai mancare in un terriccio per la coltivazione in vaso.
Essendo molto fine è utile che vada ad integrare il matriale drenante
di dimensioni maggiori (0,3-1 cm) da mischiare al terriccio.

Polistirolo espanso: idrofobo, è ottimo per drenaggio e aera-
zione. Si può usare in palline o a pozzetti. E un componente molto
leggero ma ha l'inconveniente di salire in superficie quando si annaf-
fia.

Lana di roccia (N.B.: non maneggiare asciutta): anche questo è un
isolante termoacustico. E una fibra di vetro di colore giallo. Si ado-
pera come substrato unico nelle coltivazioni idroponiche e
solitamente non viene aggiunta nelle miscele. Trattiene l'ac-
qua e consente una buona aerazione, cosa che la rende adatta alla
germinazione. La lana di roccia tende a rendere l'acqua basica: con-
viene irrigare con acqua a pH basso per equilibrare, quindi aggiun-
gere i nutrimento all'acqua. Se usato con intelligenza è un substrato
molto pratico ed è un primo passo nella coltivazione di piante senza
terra (idrocoltura). Deve essere maneggiata umida ed è riciclabile. Si
usa in blocchi, o sminuzzata in contenitori. Si possono trovare infor-
mazioni nel libro di V. Patten, Rockwool Gardening e, più specificata-
mente per la coltivazione della cannabis, in Marijuana Hydroponics
di D. Storm.
Le miscele proposte di seguito apportano un 50-00% di materia orga-
nica e un 40-50% di inorganica, evitando così di dover concimare
nelle prime 4 settimane. I materiali inorganici sono riciclabili. Ripulite
dalle radici, con l'aggiunta di nuova materia organica le miscele si
possono usare di nuovo.

RITENZIONE D'ACQUA E NUTRIMENTO: 3 PARTI di terriccio pronto per
fiori o torba mescolato con humus di lombrico o compost.
+
DRENAGGIO E AREAZIONE: 2 parti (pezzatura medio-grossa) di perlite,
agrilife, lava oppure polistirolo espanso; 1 parte (pezzatura fine) di
vermiculite, oppure sabbia o ghiaia fine.

Se si adopera terriccio di lombrico, compost, letame compostato è
molto utile aggiungere una tazza di polvere di Dolomia (carbonato di
calcio e magnesio) ogni dieci litri di miscela. Aiuta a stabilizzare il
pH e da un apporto di calcio e di magnesio ad assorbimento lento,
indispensabile per lo sviluppo della pianta. In alternativa, due tazze
di cenere fine di legna fanno lo stesso servizio.
Altre miscele potrebbero essere: torba-perlite o torba-agrilite al 50%.
Invece della torba possiamo usare humus, oppure combinare i quattro
materiali in parti uguali. In sostanza, la miscela ottenuta deve avere
la consistenza indicata, variando le proporzioni in funzione dell'assi-
duita dell'irrigazione, della dimensione dei recipienti e dei risultati
ottenuti con l'esperienza. La regola è che più sono piccoli i vasi rispet-
to alla pianta, più il terreno deve essere poroso per consentire alle
radici di respirare; l'inconveniente è che bisogna annaffiare e nutrire
con maggiore attenzione e più di fequente.

ALCUNI MIX BIO-INDOOR
* Cocco: già struttura, drenaggio, ritenzione acqua ben proporziona-
ti. Non contiene nutrienti, si ricicla, è naturale!
* 1/3 torba bionda, 1/3 lava/sabbia lavica/ghiaia di fiume medio-
fine, 1/3 compost a pH neutro di 2 anni
* Substrato per piante da fiore/orto non acidofile addizionato di 1/3
volume di agrilite/lava medio-fine.

2/3 SUBSTRATO DI COLTURA
Terriccio pronto per orto o fiori,
meglio quello per "fioriere" o per
"coltivazione in vaso".
1 /3 INERTI DRENANTI
sabbia media o zeolife o lava o
agrilite, oppure metà lava metà
sabbia fine di fiume.


-1/3 terriccio ricco di humus,
venduto come "ammendante"
con pH = 7
-1/3 torba bionda o cocco
-1/3 inerti drenanti di varie pez-
zature (vedi primo schema).
Un buon terriccio non si compatta
col tempo e assicura una buona
porosità con il giusto grado di
ritenzione idrica; inoltre mantiene
il pH costante per tutta la stagio-
ne. Sono indicati come terricci per
"fioriere" o per "coltivazione in
vaso", in genere vengono usati
per piante arbustive e legnose.

-5 parti terriccio torboso per la
coltivazione in vaso con
pH neutro
- 1 parte di letame di lombrico
- 4 parti di una miscela di inarti
drenanti di varie pezzature.


 

5. I RECIPIENTI


Dobbiamo pensare che in natura le piante non hanno limiti nell'espan-
sione delle radici. Ma in interno dobbiamo coltivare in recipienti, che
ne limiteranno la crescita. Ci conviene maneggiare materiali leggeri,
perché le piante dovranno essere spostate e girate su se stesse periadi-
camente per ottenere una crescita uniforme. Per questo motivo preferia-
mo i recipienti di plastica ai vasi di coccia. Inoltre, ogni pianta ha biso-
gno di un vaso individuale. E utile che i vasi siano in una vaschetta
comune, come quelle per gli sviluppi fotografici o di giardinaggio o
confezionata con un telone (vedi cap. 21). C'è chi adopera le piscine
gonfiabili dei bambini. La vaschetta permette alla pianta di riutilizzare
l'acqua drenata dai fori alla base del vaso. Se l'acqua è comune a
tutte le piante, quella eccedente per una può servire a un'altra, altri-
menti si possono usare piatti individuali o vaschette più piccole.
Il fondo del vaso non deve comunque rimanere immerso
sempre nell'acqua, altrimenti la terra resta inzuppata
asfissiando le radici. Con il sistema "a stoppino" il fondo
del vaso viene tenuto sollevato dall'acqua: solo lo stoppi-
no è immerso nella soluzione nutriente.
Perciò è inutile aggiungere uno strato drenante sul fondo, meglio per le
radici trovare un terreno più uniforme possibile (cioè miscela di sub-
strati ben mescolati tra loro e uguale in ogni punto del vaso) e con
grado di umidità mantenuto costante dallo stoppino, sfruttando il prin-
cipio fisico della capillarità.
Le dimensioni dei vasi non eccedono il diametro di 15 cm fino alla
determinazione del sesso, e l'ultimo rinvaso a sesso determinato in
un vaso di diametro di 20-25 cm al massimo per piante alte, cioè
anche 80-120 cm a fine fioritura.
Possono comunque bastare vasi definitivi indicativa-
mente di 20 cm di diametro e 20 cm di altezza se il ciclo
è breve (2-3 settimane a 18 ore) e il nutrimento disciolto
nell'acqua adeguato in qualità, proporzioni e quantità.
È più utile partire da vasetti piccoli alla semina e rinva-
sare ogni volta in un vaso più grande allorché, toglien-
do il vaso, si vede il pane di terra completamente avvol-
to da una fitta rete di radici: in questo modo la pianta
sfrutta a fondo tutto lo spazio di volta in volta disponi-
bile. Se le radici in breve tempo si sono sviluppate trop-
po significa che c'è carenza di azoto. Se non rinvaso
osservo segni di sofferenza come ingiallimento e perdi-
ta di foglie, eccessivo consumo di acqua e la terra si
asciuga nel giro di ventiquattrore. Rinvaso, ogni qual-
volta sia necessario, in un vaso da 4 a 8 cm più grande,
usando lo stesso substrato, facendo attenzione a non
danneggiare il pane di terra radicato, posizionandolo
allo stesso livello superficiale al quale stava crescendo
nel vaso precedente e annaffiandolo dall'alto la prima
volta per migliorare il contatto con la terra nuova.
Adoperando fin dall'inizio un vaso grande, fa troppa fatica ad
asciugarsi, il seme nasce e cresce in un terreno troppo inzuppato
d'acqua e stenta a radicare (per radicare bene le radici devono
"respirare ossigeno e seguire l'acqua" nel suo movimento verso il
basso per gravita - quando questa rimane ferma inzuppando il ter-
reno c'è poca aria e si sviluppano muffe patogene con maggiore
facilità). La pianta deve crescere un paio di settimane prima di
poter consumare tutta l'acqua, perciò questa, con il protrarsi del
tempo, "marcisce", produce CO;?, riducendo nel contempo il conte-
nuto di ossigeno: la pianta muore.
Quindi, meglio rinvasi frequenti in vasi proporzionati
alle dimensioni delle nostre piante, soprattutto nella
fase di crescita vegetativa. Quando instauriamo il ciclo
di fioritura di 12 ore luce /12 ore buio, la pianta reagi-
sce meno prontamente ai rinvasi, meglio perciò arrivare
in fioritura con il vaso delle dimensioni definitive già da
qualche giorno.
In fioritura le esigenze delle piante cambiano: richiedo-
no minar consumo di azoto e acqua alle radici, maggio-
re circolazione d'aria e soprattutto molta luce alla parte
aerea. Anche le radici chiedono più ossigeno, perciò la
terra non verrà più inzuppata ma lasciata seccare nei
suoi 2-3 cm superficiali affinchè l'aria possa prendere il
posto dell'acqua nello strato superficiale. Lo stoppino
continuerà ad assicurare acqua e nutrienti al fondo del
vaso - posto dove si concentrano le radici alla ricerca

proprio di acqua e nutrienti, mentre la parte alta, più
asciutta, respira.
Nel sistema mostrato nell'illustrazione qui sopra i vasi vengono rial-
zati di alcuni centimetri con dei supporti, al di sopra del livello del-
l'acqua nutriente: questa viene risucchiata attraverso grosse corde
(stoppini) che vengono introdotte nel substrato dai fori di drenaggio
dei vasi. Questo sistema permette di lasciare l'acqua nella vaschet-
ta affinchè le piante la assorbano secondo necessità, quindi si può
innaffiare con minore frequenza. Se la luce arriva all'acqua sta-
gnante, si possono formare alghe. Questo si può evitare coprendo i
vuoti che rimangono fra i recipienti.
Lo stoppino viene introdotto dai fori alla base del vaso, lasciandone
sempre qualcuno da riempire, pressando leggermente, con la
miscela di terriccio. Questo deve inumidirsi grazie all'assorbimento
dello stoppino. Se dopo qualche ora l'acqua non arriva alla superfi-
cie, vuoi dire che l'assorbimento non è sufficiente, ci vogliono più
stoppini oppure il substrato non è abbastanza poroso per essere uti-
lizzato con questo sistema. Se invece si bagna troppo (cosa non
conveniente, perché le piante devono restare anche all'asciutto per
alcuni periodi) è perché ci sono troppi stoppini, arrivano troppo in
alto oppure il substrato non ha sufficiente capacità drenante. E
importante raggiungere un equilibrio tra porosità, drenaggio e
quantità di stoppini. Una volta trovato l'equilibrio, questo sistema è
molto comodo: il livello della vaschetta va mantenuto costante in
modo che gli stoppini non si aciughino mai.

Anche se adoperiamo un supporto e il substrato non tocca diretta-
mente l'acqua, conviene mettere un po' di materiale drenante nel
fondo del recipiente (1 cm di ghiaia di lava), per evitare che della
terra fuoriesca dai fori liberi. Con un altro sistema di coltura, metà
del livello della terra è costituito da materiale inerte drenante, che
può rimanere sempre a bagno senza inzupparsi: non c'è bisogno
di supporti ne di stoppini perché le radici penetreranno nel drenag-
gio e assorbiranno direttamente l'acqua, con risultati simili al siste-
ma con stoppino. Con questo diverso sistema, il livello massimo di
acqua deve essere in contatto solamente col fondo drenato del vaso
e quello minimo attorno a 1/2 o 1 cm. Volendo spingersi oltre si
può fare idrocoltura usando solo lava, leca oppure ghiaia media,
adoperando vasi appositi con indicatore del livello dell'acqua: que-
sta in realtà è una soluzione nutriente completa di tutto il fabbiso-
gno in sali minerali disciolti nell'acqua di irrigazione. Non conviene
comunque lasciare alto il livello dell'acqua nella vaschetta per
periodi prolungati, perché la superficie della terra resta costante-
mente bagnata; sintomo di eccesso di acqua è la comparsa di
muffe alla base del fusto, che lo fanno marcire. Se questo succede,
si eliminano le parti colpite e si versa uno strato di substrato asciut-
to, soprattutto intorno al fusto. Eventualmente, per disinfettare, si
può spolverare, aiutandosi con un pennello, dello zolfo asciutto in
polvere (o preparati antifungini a base di zolfo in commercio) sulla
zona malata. Ovviamente si dovranno diminuire le irrigazioni,
ridurre il livello dell'acqua nella vaschetta di riserva oppure usare
un substrato più poroso (cioè più drenato).
E consigliabile controllare bene il funzionamento del sistema nei
primi giorni. Le radici tendono a uscire dai fori di drenaggio assor-
bendo direttamente l'acqua e non conviene che restino esposte alla
luce, che ne diminuirebbe la funzionalità riducendone il metaboli-
smo.
Un violento ed eccessivo sviluppo radicale indoor è un
sintomo di carenza d'azoto: le radici, crescendo, lo vanno a
cercare e, se non lo trovano, in breve tempo esauriscono lo spazio
a loro disposizione nel vaso, arrivando fino a bloccarne il drenag-
gio e a "soffocarsi" compromettendo così le buone caratteristiche
fisiche di un terriccio.


6. LO SPAZIO E LE CONDIZIONI AMBIENTALI


È importante conoscere le condizioni ambientali che vogliamo crea-
re quando si tratta di trovare una collocazione idonea per l'impian-
to. Le piante di cannabis possono sopportare temperature comprese
fra i 10 e i 40 gradi centigradi, limiti entro cui continuano a cresce-
re. La temperatura dovrà pertanto mantenersi fra i 17 e i 30 gradi:
la temperatura ideale è di 24° costanti. Ovviamente, la tem-
peratura scende durante il periodo buio, meglio però mantenerla
sempre superiore a 15 °C. Con temperature molto alte le piante
disperdono parecchie energie per dissipare il calore, mentre le tem-
perature molto basse possono farne rallentare il metabolismo fino a
morire: le piante restano corte di gambo con internodi ravvicinati.
Durante le ore di
luce la cannabis è
in grado di assorbi-
re una quantità di
anidride carbonica
(CO;) dell'aria in
concentrazione
molto maggiore di
quella presente nel-
l'atmosfera. L'aria
contiene lo 0,03%
di CO; e le piante
crescono quasi del
doppio in presenza
di concentrazioni di
CO; dello 0,15%.
Si trovano in com-
mercio sistemi per
Esempio di
organizzazione
dell'ambiente.



L'aria deve
essere movimentata
da un ventilatore.










aumentare il livello di CO; nell'impianto. Per maggiori informazioni
su questo tipo di coltivazione si raccomanda il libro CO2,
Temperature and Humidity di D. Gold. Benché il CO; sia incolore,
inodore e non sia infiammabile, le piante non sopportano una con-
centrazione superiore allo 0,2%, per cui occorre essere molto preci-
si nell'applicare questa tecnica perché è pericoloso superare i limiti
stabiliti. Si ottengono comunque ottimi risultati anche senza questo
mezzo. Il semplice apporto continuato di aria fresca dall'esterno
(ovviamente filtrata) fornirà il CO; necessario, come in natura.
L'aria dev'essere mossa con un ventilatore all'interno
dell'impianto, per garantire che circoli tra tutte le
piante. Ci vorrà dunque un ingresso dell'aria, che può arrivare
dall'esterno tramite aspirazione e filtrazione, o dalla stessa stanza
in cui si trova l'impianto, se questa è sufficientemente ampia e venti-
lata, con porta e finestre che periadicamente vengono aperte. Sarà
anche necessario un estrattore che faccia uscire l'aria all'esterno o
a un secondo impianto e da questo all'esterno. Occorrono dunque
un ingresso filtrato, con o senza ventilatore d'immissione, un'uscita
con estrattore (di quelli presenti nelle cappe di aspirazione in cuci-
na) nella parte superiore perché l'aria scaldata con le lampade si
accumula in alto e un ventilatore perché quest'aria circoli, anche la
linfa circola meglio se le piante si muovono leggermente. I ventilato-
ri vanno posti in funzione quando la luce è accesa. Risulta molto
utile 'utilizzo di temporizzatori. La ventilazione non aumenterà
comunque la percentuale di CO; nell'impianto, ma eviterà che
diminuisca a
causa del consu-
mo delle piante.
Le stufe e i boiler
a gas aumentano
la concentrazio-
ne di CO2 nel-
l'ambiente, ma
possono causare
problemi di tem-
peratura (ricor-
diamo che anche le lampade producono molto caore). Quello che
sicuramente le piante apprezzeranno sono le nostre visite nella
fase diurna della crescita, poiché la respirazione animale aumenta
il livello di anidride carbonica nell'ambiente. Le piante ricambiano
producendo ossigeno. Durante la "notte" i vegetali consumano
ossigeno, perciò è sconsigliabile dormire in una stanza chiusa con
dentro delle piante. Invece di giorno consumano CO^ e arricchi-
scono l'aria di ossigeno, cosa che rende più salutare stare in loro
compagnia anche in un ambiente chiuso.

Le piante rilasciano
odore, soprattutto in alcu-
ne fasi vegetative. Se que-
sto fosse un problema, si
consiglia l'uso di ionizzato-
ri. E raccomandabile
mantenere l'umidità
dell'ambiente tra il 40
e il 60%, un umidificatore
per ambiente è utilissimo
quando l'atmosfera risulta
troppo asciutta. L'uso di un
termometro-igrometro con
l'indicazione di massime e
Un sito indoor di
dimensioni dome-
stiche.

Esempi di estratto-
ri. A sopra un
estrattore da bagno
e a sinistra un
estrattore tubolare
con tubo flessibile.





minime è di grande utilità per il controllo effettivo delle costanti che
si vogliono mantenere nell'impianto.
Le dimensioni dell'impianto dipendono, in parte, dalla
potenza della luce. Ma un calcolo approssimativo stabilisce una
dimensione standard di almeno due metri di altezza che corri-
sponderebbero a: un metro per le piante, più l'altezza del vaso, più
la distanza tra la lampada e la pianta, più la dimensione della lam-
pada con le catene e il loro fissaggio. Se non si dispone di un'altez-
za sufficiente si può provocare la fioritura anticipata delle piante, o
piegare le punte, o disporre le lampade lateralmente anziché
sopra.
L'area che qui raccomandiamo òdi 180 x 60 cm. Se si fanno due
impianti contemporaneamente, uno di crescita e l'altro di fioritura,
I quest'ultimo avrà bisogno di un'altezza maggiore. Gli impianti
devono essere impenetrabili alla luce nella fase di fiori-
tura in cui, durante la 'notte', l'oscurità dev'essere tota-
le. È anche consigliabile che le pareti dell'impianto siano di mate-
riale isolante per creare le condizioni climatiche ideali. Se il nostro
problema è il freddo, le pareti foderate di poliuretano espanso man-
tengono la temperatura e riflettono la luce. Se il nostro problema è
una temperatura eccessiva, si possono usare lastre metalliche e fori
di aerazione muniti di raccordi (per stufe o canali pluviali) curvi a
90° per non far entrare la luce.
Il luogo ideale è una cantina, perché mantiene una temperatura
costante tutto l'anno. In ogni caso l'impianto può essere montato in
qualsiasi abitazione, armadio o soppalco che abbia i necessari
requisiti di stabilità oltre che il fondo impermeabilizzato. E meglio
che questo sia lontano da giardini o qualsiasi tipo di vegetazione
perché potrebbero portare problemi di malattie o parassiti. Per la
stessa ragione, è utile, se si è lavorato in un orto o giardino, lavarsi
le mani e cambiarsi abiti prima di dedicarci alle nostre piante.
Sempre per lo stesso motivo, non è consigliato introdurre piante pro-
venienti dall'esterno o da altri impianti che possono portare con sé
dei parassiti.


7. L'ACQUA DI IRRIGAZIONE


La cannabis ha bisogno di un grande apporto di acqua durante la
fase di crescita vegetativa. Non bisogna utilizzare acqua imbottiglia-
ta per il consumo umano, per la sua durezza e l'eccessiva mineraliz-
zazione. Benché non sia dimostrato che il doro dell'acqua di rubi-
netto (viene aggiunto per sterilizzare gli acquedotti) sia dannoso per
la crescita delle piante di cannabis, tuttavia è buona abitudine
lasciar riposare l'acqua per un giorno, consuetudine di ogni buon
giardiniere.
Il pH dell'acqua deve essere neutro. I limiti accettabili per il
pH sono tra o,5 e 7,2. Il pH ha una scala da 1 a 12, e 7 corrispon-
de al pH neutro, 1 è il più acido e 12 il più basico o alcalino. E
molto importante controllare periadicamente il pH dell'acqua e del
substrato.

La classica car-
tina al pH in
grado di misu-
rare l'acidità
dell'acqua:
meglio di que-
sta sono le car-
tine al pH che
misurano inter-
valli più specifi-
ci.
Per far questo,
occorre mischiare un
po' di substrato con
'acqua e misurare
il pH della solu-
zione. Esistono
diversi modi per
misurare il pH: misuratori digitali,
reattivi liquidi o lo
classica cartina a
tornasole, che si trovo
30
Influenza del pH
sulla disponibilità
dei nutrienti.
     




in farmacia, ma non misura i decimali. Un pH eccesivamente acido
si può correggere con l'aggiunta di un po' di calce idrata o di
cenere di legna (il bicarbonato va bene ma rischia di arricchire
troppo la soluzione di sodio). Un pH eccessivamente basico si può
correggere aggiungendo qualche goccia di acido fosforico o nitrico
o, semplicemente, aceto o limone nell'acqua di irrigazione.

La temperatura dell'acqua dev'essere intorno ai 21
gradi centigradi, le radici gradiscono l'acqua alla stessa
temperatura dell'ambiente diurno esterno.
La quantità di acqua dipende da diversi fattori:
o la temperatura e l'umidità dell'ambiente;
o la dimensione del recipiente;
o la dimensione della pianta;
o la struttura del terriccio.

Quando 'bevono', le piante lo fanno in quantità notevo-
li, ma devono comunque passare brevi periodi 'secchi'
tra un'innaffiatura e l'altra, anche se soltanto il primo
strato del terreno dev'essere secco. Se la superficie è bagna-
ta, o se rimane dell'acqua nella vaschetta, non conviene innaffiare.
Le piante impallidiscono, non crescono e finiscono per marcire se
l'irrigazione è eccessiva. Se, al contrario, non si innaffia abbastan-
za, si seccheranno alcune foglie basse e la pianta lascerà affloscia-
re le sue foglie come se fosse "stanca". Se questo avviene occorre
somministrare rapidamente dell'acqua (conviene sciogliere un po'
di sapone di Marsiglia nell'acqua per assicurare un migliore assor-
bimento). Anche se la pianta si salva, perderà molte foglie che le
avrebbero permesso di captare l'energia necessaria per uno svilup-
po regolare. Qualsiasi trauma o choc di una pianta richiederà un
tempo di recupero.
Durante lo sviluppo vegetativo qualche foglia grande della parte
inferiore secca sempre, o per una piccola crisi di sete o perché la
crescita di rami superiori le copre la luce. E sconsigliabile nebuliz-
zare acqua sulle piante, se non, ogni tanto, per pulirle. La cannabis
si deve innaffiare dalla superficie della terra intorno al fusto diretta-
mente nel vaso, se possibile lentamente con un innaffiatore o un
tubo molto fine per non smuovere il substrato o scoprire le radici.
Occorre innaffiare finché l'acqua drena (esce dal fondo) nella
vaschetta, o si può innaffiare direttamente dal fondo nella vaschetta
stessa se si utilizza il sistema di assorbimento tramite stoppino o
simili.
Attualmente esistono in commercio sistemi automatici per l'irrigazio-
ne dei giardini nei periodi di vacanza, oppure specifici per grandi
vasi che sono comodissimi, tuttavia hanno il difetto di costare qual-
che decine di migliaio di lire.


Germinazione -15-20 giorni ;i:; :
Crescita : ,
Prima della fioritura
Fioritura
Fertilizzazione dei fiori e femazione .
Dei semi

N
110-150
200-250
70-100
0-50
100-300

P
70-100
60-80
100-150
100-150
70-100

K
50-75
150-200
75-100
50-75
100-150
unità di misura p.p.m.      

 

 

 

8. NUTRIENTI


Le piante hanno bisogno dell'apporto di una lunga lista di elementi
chimici per il loro sviluppo. Si dividono in tré gruppi: gli elementi pri-
secondari e gli oligoelementi o microelementi.
mari,
Gli elementi primari sono l'Azoto (N), il Fosforo (P) e il Potassio (K).
Vengono sempre enunciati nell'ordine 'N-P-K' e sono quelli che la
pianta consuma in maggior quantità; se ne trovano le percentuali
indicate sulle etichette delle confezioni di fertilizzanti, perché ne quali-
ficano subito le caratteristiche d'impiego.
I secondari sono il Magnesio (Mg) e il Calcio (Ca) e sono presenti ad
esempio nella dolomia e nel litotamnio.
I microelementi vengono consumati in piccolissime quantità e sono i
seguenti: Ferro (Fé), Zolfo (S), Manganese (Mn), Boro (Bo),
Molibdeno (Mb), Zinco (Zn) e Rame (Cu). La cenere di legna, così
come i concimi a base di alghe, ne contengono a sufficienza, com-
presi Mg e Ca.
Il primo elemento primario è i'azoto (N). E il più importante perché
consente alla pianta di creare le proteine essenziali per la costruzione
di nuovo tessuto e interviene nella produzione di clorofilla. E diretta-
mente in rapporto con l'altezza, il vigore e la crescita in generale. E
indispensabile nella fase di crescita vegetativa e in misura minore
all'inizio della fioritura. Alcuni coltivatori interrompono la somministra-
zione di azoto nelle ultime settimane della fioritura, perché affermano
che in tal modo aumenta la produzione di resina. Benché questo non
si possa affermare con certezza, è consigliabile che la quantità di
azoto nel fertilizzante, durante la fioritura, sia inferiore o uguale a
quella del secondo elemento, il fosforo (nella fase di crescita può
essere anche il doppio del fosforo).
Il fosforo (P) è il secondo degli elementi primari ed è vitale per la
fotosintesi. Si associa alla produzione di fiori, resina e semi (se ci
sono). La cannabis ha bisogno di un grande apporto di fosforo nelle
fasi della germinazione, della riproduzione per talea e soprattutto
della fioritura.
Il terzo elemento primario, il potassio (K) è in rapporto con la forma-
zione e il trasporto di amido e con l'aumento di clorofilla nelle foglie.

Aiuta a regolare l'apertura degli 'stomi', piccole ghiandole situate sul
contorno delle foglie responsabili della traspirazione delle piante e
altre funzioni vitali. Il potassio è necessario anche per il buono svilup-
po delle radici e la resistenza della pianta contro le malattie. Questo
elemento si usa in tutto il ciclo vitale, in percentuale quasi doppia o
uguale rispetto al fosforo.
Fra gli elementi secondari, il magnesio (Mg) è l'atomo centrale della
molecola di clorofilla ed è essenziale nell'assorbimento della luce.
Con il calcio (Ca), contribuisce anche all'assorbimento di altri
nutrienti, stabilizzando l'ambiente di acidi o sali tossici che si posso-
no depositare. Il Calcio è fondamentale nella formazione di nuovo
tessuto, e quindi necessario per un buono sviluppo.
Le migliori fonti di Mg e Ca sono la dolomia e il litotamnio (carbonato
di calcio e magnesio), mescolati preventivamente nel substrato e non
disciolti nell'acqua di irrigazione. Essendo ad assorbimento lento, è
difficile superare le dosi. L'eccesso di dolomia, a causa del lento
assorbimento o forse perché mantiene il suo pH invariato, sembra
non causare danni alle piante. La dose raccomandata, comunque, è
di una tazza da caffè di dolomia polverizzata finissimo ogni 8/10
litri di substrato. Se non si dispone di dolomia si può usare il litotam-
nio biologico a base di alghe; oppure
sali di solfato di magnesio (si trovano in
farmacia), che però sono acidificanti e
apportano solo Mg e S (senza Ca):
qualora non fossero presenti nel fertiliz-
zante che usiamo li aggiungiamo in
alcune irrigazioni nella dose indicativa
di 1/2 cucchiaino da caffè ogni 2 litri
d'acqua.
La cima non si
sarebbe potuta svi-
luppare così senza
un buon apporto di
luce, aria e nutrienti.
Una carenza di
nutrienti si può sem-
pre correggere, un
loro eccesso può
uccidere la pianta.







SINTOMI DI CARENZA DI N,K,P.
N La pianta è stentorea nella crescita. La colorazione delle foglie da verde chia-,
ro prima tenderà al giallo a partire dalle foglie più basse per poi salire. Le piante e i
le foglie sono più piccole, l'apparato radicale è molto sviluppato, sproporzionato,
per lo sforzo della pianta nella ricerca di azoto. La crescita procede, ma gli steli
sono sottili, acquosi e teneri più del normale.

K Provoca ingiallimento o avvizzimento dell'apice dei margini delle lamine fogliarti;
nella parte inferiore della pianta. La colorazione giallastra si estende gradualmente
dai margini verso l'interno della lamina, seguita da un arricciamento delle fogiierii
più vecchie che si curvano verso il basso. Il colore delle foglie diviene più scuro,»
bluastro-bronzeo. A partire dalle foglie più grosse, la punta delle lamine si secca,
necrotizza e muore. Aree necrotiche e macchie si formano lungo le lamine, parti-S
colarmente lungo i margini. Questi sintomi sono possibili nelle coltivazioni indoor
quando il terriccio è molto ricco di materiale organico.

P Nanismo, radici poco sviluppate, esilità degli steli, decremento della produzio-
ne dei semi e della loro germinabilltà. Il calore fogliare tende al verde scuro con
comparsa di tinte rosso violacee, dapprima lungo gli steli nel punto di unione con i
gambi delle foglie, poi sui gambi stessi e sulle nervature della pagina inferiore.
Può estendersi a tutto il fogliame, ma non è comune in indoor
.

Fra gli oligoelementi o microelementi, il più importante è il ferro
(Fe). Viene sommistrato sotto forma di chelati. La sua carenza o la
sua mancata assimilazione a causa di un pH inadeguato è causa
della clorosi ferrica: le foglie superiori e i giovani germogli ingiallisco-
no e si vedono i capillari delle foglie che restano verdi. Quando i fer-
tilizzanti contengono micronutrienti, lo specificano. Se così non fosse,
occorrerà somministrarli separatamente fino alla scomparsa dei sinto-
mi di carenza.

I concimi e fertilizzanti in generale, siano essi chimici
(industriali) o organici (naturali), riportano sull'etichetta
tré numeri che indicano la percentuale dei tré elementi
primari nel seguente ordine prestabilito: N-P-K
.
Due esempi
potrebbero essere: "15-30-15" o "2,4-1,7-1,9". Nel primo esempio i
numeri sono alti e questo significa che si adopererà una quantità
minore di prodotto per ottenere la dose giusta. Nel secondo esempio,
gli elementi sono più diluiti, per cui la quantità di prodotto da miscela-
re sarà maggiore rispetto al primo esempio. Ma la cosa principale è
la proporzione di un elemento rispetto ad un altro, sicché vediamo
che la quantità di azoto è la metà di quella di fosforo nel primo esem-
pio "15-30-15", ed è maggiore nel secondo "2,4-1,7-1,9".
I concimi per la fase di crescita devono avere un alto con-
tenuto di azoto oppure, che è lo stesso, un primo numero
maggiore del secondo. Vengono solitamente venduti
come "concimi per piante verdi". Il terzo numero, il
potassio, deve essere sempre presente in percentuale
uguale a N o al limite appena inferiore a N in fase di cre-
scita, ma perfino doppio del valore di N per inizio fioritu-
ra e fruttificazione. I concimi adatti alla fioritura hanno
più fosforo che azoto, cioè un secondo numero maggiore
del primo e sono venduti come "concimi per piante da
fiore".


La dolomia apporterà gli elementi secondari e molti concimi organici
apportano microelementi (detti anche oligoelementi). Esistono in com-
mercio miscele di microelementi (in forma chetata vengono assorbiti
meglio) da somministrare con le innaffiature solo se la pianta
mostra carenze o sofferenze che non dipendono da: eccesso di
innaffiature, N-P-K, temperature, pH, luce, circolazione dell'aria,
parassiti. In genere le carenze di microelementi sono molto rare: nella
cannabis, oltre a quelle di N-P-K, è frequente quella di Magnesio.
I concimi possono essere ad assorbimento lento o rapido e si presen-
tano sotto diverse forme: solubili nell'acqua di irrigazione, mescolabili
alla terra, da distribuire sulla superficie del terreno o con applicazio-
ne fogliare con un nebulizzatore. Esistono anche bastoncini da inter-
rare che si consumano lentamente. Tutti devono riportare il contenuto
di nutrienti. Alcuni coltivatori usano lo stesso fertilizzante per tutto il
ciclo vegetativo con lo stesso numero N-P-K, per esempio "20-20-20".
In realtà è importante la presenza di N-P-K più che la
loro proporzione molto precisa; infatti la pianta preleva
di ciascun elemento solo la quantità che le serve, però
quello che non viene assorbito dalle radici rischia di accu-
mularsi nel terreno.
I fertilizzanti solubili in acqua sono ad assorbimento rapido e le dosi
indicate sono solitamente superiori a quelle che qui raccomandiamo.
Siccome non vi è nulla di più irrimediabile di un eccesso di fertilizza-
zione, è consigliabile innaffiare ogni volta con dosi molto diluite (1/3
o 1/4 delle dosi indicate), piuttosto che farlo in modo più concentrato
una volta ogni 10-15 giorni, come riportato sulle etichette dei fertiliz-
zanti. In ogni caso, all'inizio non si consiglia di fertilizzare più di una

Fertilizzante N P K Note
         
Letame Secco 1,5 0.85 1,75 Composizione bilanciata. Disponibilità media
Sangue Liofilizzato 16 0 0 I nutrienti si sciolgono meglio che nel sangue di bue
Pollina 3,5 1,5 185 Nutrienti Eccellenti
Cenere di Legna 0 1,7 7 Solubile in acqua. Molto alcali-
na tranne che con il legno
acido come il noce.
Polvere di Granito 0 0 5 Si scioglie lentamente.
Fosfati Minerali 0 33 0 Si scioglie gradualmente
urina Umana Fresca 0,5 0,003 0,003 N immediatamente disponibile
Sangue di Bue 15 1,3 0,7 Rilascia facilmente i nutrienti


volta alla settimana. La maggior parte dei materiali organici citati
come parte della miscela per il substrato delle piante sono concimi a
lenta assimilazione e sono consigliati perché con essi è difficile ecce-
dere nella fertilizzazione. Solitamente sono ricchi di azoto e saranno
un primo supporto nella fase di crescita. Substrati molto ben preparati
con pH neutro, con buona torba e humus di lombrico assicurano un
apporto di nutrienti che ci permette di evitare di concimare nella
prima metà della fase di crescita vegetativa.
Nelle ultime due settimane prima del raccolto occorre sospendere le con-
cimazioni per evitare che gli eccessi di accumulo di sali fertilizzanti
modifichino il sapore della cannabis.

Come per tutte le variabili del sistema, bisogna trovare il fertilizzante
leguato per la coltivazione in vaso. Quelli che consigliamo sono i ferti-
zanti a rapida cessione. Tanti fertilizzanti e metodi di fertilizzazione
ganica, che vanno benissimo outdoor, fanno invece molta fatica a fun-
ware altrettanto bene indoor: spesso al chiuso le sostanze organiche
usano muffe dannose anziché decomporsi per dare N. Quanto più i
(cipienti sono piccoli, tanto più frequenti dovranno essere l'irrigazione e
| concimazione. Inoltre, la concimazione deve essere proporzionata ai
sogni delle piante: avremo differenti dosaggi per le diverse fasi di svi-
ppo.
piccolo eccesso di fertilizzanti brucerà la punta delle foglie, che
quisteranno prima un verde intenso per poi deperire e bruciarsi par-
almente o interamente. Se l'eccesso di fertilizzanti è forte, tutta la pian-
\ si brucerà: le foglie inizialmente si accartocceranno per poi afflosciarsi
e seccare. Questo capita in particolare con l'eccesso di azoto.
Un leggero eccesso di fertilizzanti si può in parte recuperare mettendo la
pianta con il vaso sotto al rubinetto, lasciando scorrere per un po' di
tempo dell'acqua tiepida finché dreni dal fondo. In questo modo la terra
si laverà dai sali in eccesso.
Le stesse piante, coltivate outdoor in pieno sole, necessitano di meno
della metà del fertilizzante necessario per coltivarle indoor con le lam-
pade.

 

 

9. METODO DI COLTIVAZIONE


Una volta familiarizzati con i materiali e lo spazio, andiamo a spie-
gare in che modo si coltiva la cannabis in interno. L'impianto è
stato messo a punto fin dagli anni '70, quando si iniziò a coltivare
con lampade fluorescenti sia in America che ad Amsterdam.
Va riconosciuto il merito di persone come Ed RosenthaI e Jorge
Cervantes, ormai due celebrità sull'argomento negli Stati Uniti, che
fin da allora hanno portato avanti e diffuso questa passione e che
tuttora collaborano con i maestri olandesi. Per una più ampia infor-
mazione si possono consultare i libri Indoor Marijuana Horticulture

La freccia
indica il filo
che tiene pie-
gata la pianta
per qualche
giorno, finchè
non mantiene
spontanea-
mente la
forma voluta.


di J. Cervantes e Closet Cultivator di Ed RosenthaI (questa pubblica-
zione del 1992 è da non confondere con il Marijuana growers
handbook dello stesso autore insieme a Mei Frank, eccellente
manuale sulla coltivazione della canapa di cui è uscita nel 1998 la
terza edizione).
In interno, le piante sono sottoposte a una quantità di luce di alme-
no 18 ore nel periodo della crescita. Alcuni coltivatori affermano
che durante questa fase le piante non hanno bisogno di riposo, pur-
ché abbiano un apporto sufficiente di acqua, nutrienti e luce, e le
sottopongono a un'esposizione continua di 24 ore di luce. La diffe-
renza fra i due metodi consiste nella durata della fase di crescita
(ore di luce = crescita). Se, per un qualsiasi motivo, è necessario
spegnere le luci per un certo periodo, non conviene mai fornire
meno di 18 ore di luce. Se non vi è nessun inconveniente per
lasciarle accese, è meglio optare per il sistema dell'esposizione
continua (24 ore di luce): anche le lampade lo gradiscono, perché
accenderle e spegnerle in continuazione accorcia loro la vita. Se si
vuole tornare ad accendere una lampada ad alta pressione dopo
averla spenta, aspettare mezz'ora: è meglio non riaccenderla fin-
ché non si sia raffreddata. Sembra che, con tempi di crescita più
brevi rispetto al ciclo naturale, come nel caso dell'indoor, l'esposi-
zione preferita sia quella costante.
Possiamo provocare la fioritura quando vogliamo con il semplice
accorgimento di ridurre il periodo diurno a 12 ore. Le 12 ore di
notte forzeranno la pianta a fiorire ed è importante che l'oscurità
sia totale. L'inquinamento luminoso in quel periodo può impedire
alle cime di svilupparsi correttamente. L'uso di un temporizzatore è
obbligatorio perché i periodi devono essere esatti e sempre uguali
per due mesi almeno.
Poiché le luci non penetrano con la potenza necessaria oltre gli 80-
90 cm a partire dalla distanza di sicurezza, non conviene lasciar
crescere molto le piante dal punto di vista vegetativo. Infatti durante
la fioritura alcune varietà possono arrivare a raddoppiare l'altezza
fino a raggiungere dimensioni non desiderate (in natura, la canna-
bis può raggiungere i 3-5 metri secondo le varietà).
L'altezza raccomandata per iniziare il processo di fioritura (12 ore
di giorno/12 ore di notte) sarà compresa tra un minimo di 20 cm e
un massimo di 40. L'altezza o la posizione del nostro impianto e la
potenza delle lampade condizioneranno l'altezza ideale delle
nostre piante. È possibile, se coltiviamo varietà diverse, che debba-
no essere portate a fioritura ad altezze differenti. Non conviene che
le piante superino il metro e mezzo, quindi nella maturità misureran-
no tra i 60 cm e il metro. Se qualche pianta è molto alta si può
regolare la direziono della crescita piegandone la cima in orizzon-
tale con un filo. Con il semplice fatto di tagliare o piegare la
punta, si neutralizza questo inibitore e i rami laterali lotteranno per
essere più alti, di modo che la pianta crescerà più larga e ramifica-
ta. Non è necessario tagliare molto, basta tagliare o spezzare con
le dita la punta di crescita e la pianta si biforcherà. Se il pezzo
tagliato è grande, converrà usarlo come talea (vedi più avanti).
Questa operazione va sempre eseguita a distanza di almeno 7 gg.
dall'inizio della fioritura. La cima contiene un inibitore che impedi-
sce ai rami laterali di superare la sua altezza; questo sistema darà
anche una fioritura più distribuita su tutta la pianta.
Il metodo di coltivazione che descriviamo ora è chiamato "sinsemil-
la", dallo spagnolo "senza semi". Seguendo questo metodo si pos-
sono raccogliere grandi cime resinose e prive di semi. In ogni caso,
se si vogliono i semi, si possono produrre in piccole quantità come
spiegato più avanti.
La cannabis ha piante maschili e femminili diverse tra loro, ma tal-
volta compaiono anche piante ermafrodite. La maggior concentra-
zione di THC si trova nelle cime fiorite delle piante femmina. I


maschi ne hanno in piccolissima quantità, per cui
la loro coltivazione non interessa (talvolta se ne
tiene uno per la produzione di semi). Lo stesso
vale per gli ermafroditi (vedi più avanti). I maschi
producono il polline (che non contiene THC) che
insemina i fiori delle femmine, le quali produco-
no i semi. Se la femmina viene totalmente impolli-
nata smette di formare fiori per poter impiega-
re le ultime energie nello sviluppo dei semi,
per cui le cime saranno più piccole e
piene di una moltitudine di semi. Se
invece isoliamo i maschi dalla colti-
vazione prima della loro fioritura,
le femmine svilupperanno grandi
cime fiorite nell'attesa di catturare il
polline, e finiranno per maturare
"vergini", regalandoci un raccolto di
autentica "sinsemilla" che, contraria-
mente a quanto qualcuno crede, è un
sistema di coltivazione e non un tipo di cannabis.
Questo sistema produce la maggiore resa in peso e la maggior
potenza possibile (per quelle piante); è comodo perché le cime non
devono essere liberate dai semi prima dell'uso.
Il primo passo della coltivazione sarà quello di far nascere le pianti-
i ne dai semi: meglio perciò partire con il piede giusto.

 

 

10. GERMINAZIONE

 


Si è parlato molto della germinazione dei semi in generale, in rap-
porto alle fasi lunari. Qualcuno dice che è meglio piantare con la
luna nuova, altri assicurano che è meglio farlo in luna piena.
In ogni caso, non è dimostrata l'influenza lunare sulla germinazione
in interno. Quello che è sicuramente vero è che i semi sono delicati
e sia l'eccessiva umidità che la mancanza di acqua possono dan-
neggiarli. Un ambiente tiepido agevolerà la germinazione. Si trova-
no in commercio a questo scopo cavi e reti termoelettriche che si
acquistano nei negozi per piccoli animali (rettilari per pitoni), ma
anche con una yogurtiera elettrica si ottengono ottimi risultati. Se si
adoperano lampade fluorescenti si possono installare le resistenze
nella parte inferiore della vasca perché trasmettano il calore giusto
(vedi il disegno al cap. 21).









































Se si vuole essere soddisfatti del raccolto è necessario che i semi
siano di origine e qualità garantite, adatti alla coltivazione in inter-
no: il lavoro fornito e il soldo investito sono gli stessi per un seme
cattivo come per uno buono, mentre i risultati sono ben diversi.
I semi sono di colore e dimensione diversi secondo l'origine della
pianta; quelli che non sono maturi hanno un tono verdastro o bian-
castro e di solito si rompono a una leggera pressione delle dita.
Quando il seme è maturo assume un colore più bruno e diventa
resistente a una leggera pressione. Si possono interrare i semi diret-
tamente, innaffiare continuamente e aspettare che vengano fuori,
ma questo metodo ci impegna con troppi vasi, terra, spazio e lavo-
ro inutili. Si raccomanda di mettere i semi dei quali si dubita la ger-
minazione in un bicchiere di acqua tiepida. Dopo qualche ora i


La punta del seme è verso
l'alto: posizione corretta.
Posizionando la punta verso il
basso, la radichetta punta
naturalmente verso l'alto
prima di rigirarsi: in questo
modo si indebolisce.



semi sani scenderanno sul fondo. Quelli che restano a galla proba-
bilmente non germoglieranno. Se i semi acquistati o di produzione
propria sono di 1 o 2 anni al massimo, si può saltare questa fase,
meglio farli germinare tra 2 piatti e a temperature comprese tra 21
e 24 °C (vedi pagine seguenti). Dopo qualche giorno all'umido, al
buio e fuori dall'acqua, i semi sani si apriranno e lasceranno intrav-
vedere una punta bianca: la radice. Non conviene far spuntare
oltre la radice, quindi appena è visibile la puntina bianca è il
momento di metterli in terra a 1 cm di profondità con la punta verso
l'alto (vedi il disegno), coprirle dolcemente con un po' di terra e
innaffiare con attenzione. La quantità esatta di acqua sarà quella
che permette di mantenere la terra umida ma non inzuppata fino
alla nascita del germoglio.
Non bisogna mai allagare il terreno, perché i semi marcirebbero.

Sistema di germinazione tra 2 piatti: va bene perché i
semi hanno le migliori condizioni di germinazione. ;
1. acqua (deve impregnare i tovagliolini/fazzolettì ma non
ricoprire il seme, il guscio deve poter respirare)
2. aria (atmosfera calda e umida)
3. buio
|4. temperatura [uniforme nel microclima creato dai 2 piatti,
molto simile alle condizioni naturali di germinazione in terra).
oIl controllo della temperatura può avvenire mediante tappeti-
no o cavo termoelettrico, munito di termostato regolabile. Si :
trova in vendita presso i negozi per piccoli animali (rettili,
anfibi tropicali)





Oppure con una lampadina ad incandescenza da poche deci-
ne di W, posta ad una distanza tale da scaldare gradualmen-
te fino alla temperatura voluta e mantenerla costante fino ai;
germinazione awenuta. Meglio posizionare la lampadina, o
qualunque altra fonte di calore, sotto al 1° piatto.
Esempio: graticola per barbecue per tenere sollevato il piat-
to da terra, con sotto una lampada da tavolo per riscaldare
il 1° piatto.
È meglio che tutte le condizioni siano favorevoli dal principio,
per favorire la nascita e la stabilità sessuale delle femmine.


Infatti, durante la germinazione necessitano di tanto ossigeno quan-
to di acqua. Inizialmente l'acqua fa gonfiare e rivivere i tessuti
degli embrioni all'interno del seme, ma non appena la radice è
pronta a rompere il guscio è necessario che trovi anche aria, oltre
ad un ambiente costantemente umido, per procedere nella germina-
zione e nel successivo sviluppo delle radici. Un buon terriccio è
composto da substrato mischiato con lava o perlite che gli conferi-
scono un'adeguata porosità nel trattenere l'aria per le radici. Se si
dispone di abbondanza di semi è meglio mettere più di un seme
per vaso a garanzia del risultato, e poi lasciare la pianta più sana
e vigorosa, dato che facilmente dovremo sacrificare qualche pianta
per mancanza di spazio. Attenzione però: spesso le piante più vigo-
rose nella prima fase della crescita sono i maschi. I vasetti di torba
yiffy pots) sono i più comodi per far germogliare un seme, perché si
mettono direttamente nel recipiente definitivo quando le radici spun-
tano dalle pareti.
Se si fanno germogliare in un vaso o in una cassetta semenzaio si
possono trapiantare entro la seconda settimana di vita, prelevando
radice e piantina con un cucchiaio, cercando di portar via la mag-
gior quantità possibile di terreno circostante il gambo senza dan-
neggiare la piantina germogliata da poco. E facile rompere qual-
che radice, il che porterà la pianta a indebolirsi, perciò con questo
sistema è utile assumere due precauzioni: acqua fredda, che "ane-
stetizza" le radici riducendone l'attività, e ormoni radicanti che aiu-
tano il recupero.
Non si può conoscere il sesso di una pianta fino a che non fiorisce,
cosa che avviene quando la fase vegetativa è terminata. Dato che
non possiamo determinare il sesso dei semi, ne quello dei germogli,
è sempre meglio seminare più semi delle piante previste per ottene-
re il numero di femmine che si vogliono coltivare. La proporzione
fra maschi e femmine è di 1:1. Le buone condizioni favoriscono la
germinazione di un giusto numero di femmine, mentre se le condi-
zioni sono cattive sicuramente avremo più maschi. Il sesso è già
determinato nel codice genetico del seme, tuttavia anche le condi-
zioni ambientali di crescita ne influiscono la regolare espressione.
I semi si conservano a lungo, anche per anni, ma si devono tenere
al fresco (sotto i 15 °C), all'asciutto e al riparo dalla luce. La loro
età condizionerà comunque la germinazione, che sarà più scarsa e
talvolta si potrà constatare una perdita di vigore se più vecchi di 4
anni o mal conservati. Se conservati all'asciutto a temperatura
ambiente, in busta di carta e al riparo dalla luce, perdono la buona
germmabilità dopo il 3° anno, e dopo 5 anni non germinano più;
se lo fanno, le pianticelle sono in maggioranza maschio, non ne
nascono più del 30% e molte sono deformi e deboli (spesso muoio-
no di malattia prima di crescere bene). Infatti la radice spunta
verso l'alto ma, non riuscendo più a curvare verso il basso, esce
dalla terra e muore.

 

11. FASE DELLA CRESCITA VEGETATIVA


Dato che sotto una luce al sodio da 400 W si possono coltivare, a
seconda di quanto tempo le facciamo crescere, da 4 a lò femmi-
ne, e all'inizio del procedimento non sappiamo quante ne avremo,
conviene piantare almeno il doppio o il triplo di semi del numero di
piante femmina desiderate, benché questo ci costringa a utilizzare
recipienti più piccoli per mancanza di spazio. Si potranno sempre
trapiantare le femmine in recipienti più grandi una volta tolti i
maschi, e si potrà riutilizzare il terreno dei maschi aggiungendogli
un po' di concime, evitandoci di procurare altra terra.
Nel peggiore dei casi, se ottenessimo una sola femmina, potremmo
continuare la coltivazione con la "riproduzione per talea" per molti-
plicare il numero di piante femmina.
La "riproduzione per talea" (vedi capitolo 16) consiste nel tagliare
pezzi di ramo di una pianta madre (prelievo di talea o clone) e
agevolare, con opportuni accorgimenti, lo sviluppo di radici, otte-

Diversamente
dalle lampade
HP, che devom
essere orizzor-
tali, le lampada
fluorescenti
devono essere
inclinate. Si
disporranno le
piante Un ordine
di grandezza di
modo che le
punte siano
tutte alla stes-
sa altezza e cre-
scano in modo
uniforme.




nendo da ogni pezzette della pianta originale (detta "madre") una
nuova pianta dalle identiche caratteristiche genetiche. Questo ci
evita la fase della semina, che verrà fatta solo occasionalmente e
nell'intente di ottenere una nuova pianta madre, oppure per cam-
biare varietà coltivata.
Una volta germogliate, le piante vanno poste in vasi di 10 cm di
diametro, con un'esposizione alla luce di almeno 18 ore. Si può
anche mantenere la luce 24 ore su 24, come abbiamo già detto.
Nella prima fase conviene usare un impianto di luce fluorescente
"bianca fredda" o "diurna" oppure tenere ad una distanza maggio-
re di quella normale la luce al sodio. Essa fa allungare le piante in
modo eccessivo a causa della frequenza rosso-gialla della sua luce
(che in fioritura migliora il riempimento e l'allungamento delle cime
fiorite); invece questa fase della crescita preferisce radiazioni lumi-
nose di frequenza blu che tendono a far sviluppare un maggiore
rigoglio vegetativo, più abbondante e compatto, ideale per l'in-
door. Si raccomanda di iniziare il procedimento con due o tré tubi
fluorescenti di 120 cm (che poi serviranno per la crescita delle
talee) e andare avanti con vasi piccoli o vasetti di torba fino a
quando i germogli raggiungono alcuni centimetri (5-10 cm) per poi
trapiantarli nei vasi definitivi sotto la luce al sodio. In questo modo
si evita l'allungamento iniziale eccessivo causato dalla luce al sodio


e si guadagnano alcuni centimetri vitali. In ogni caso, se i germogli
si allungano molto possono necessitare di un sostegno (filo o simili)
per crescere diritti (ciò è comunque sintomo di luce d'intensità insuf-
ficiente o di temperature elevate).

Le piante devono ricevere luce continua dal momento in
cui germogliano, almeno per 18 ore al giorno
. In seguito,
quando verranno rinvasate nei recipienti definitivi, si faranno cre-
scere fino ad un'altezza compresa tra i 20 cm e i 40 cm.
L'irrigazione avverrà secondo le necessità e le condizioni dell'am-
biente creato. Dato che il substrato contiene sufficienti nutrienti non
è consigliato concimare, almeno finché le piante non abbiano rag-
giunto dimensioni considerevoli. E possibile che non sia necessario
concimare per tutta questa prima fase. Conviene concimare, sem-
pre in dosi ridotte, soltanto se si osserva che le piante impallidisco-
no o perdono vigore.

Bisogna tener conto del fatto che prima che le piante abbiano rag-
altezza voluta passerà circa un mese, e che se piantiamo
varietà diverse avre-
mo tempi di crescita
diversi che possono
squilibrare i nostri
limiti di spazio.
Questo ci costrin-
gerà a tagliare o
piegare le piante
che crescono più
alte, nell'attesa che
quelle piccole le



raggiungano, facendole così crescere anche in larghezza: raddop-
piano il numero di cime. Durante questa fase, basterà irrigare, con-
trollare l'altezza delle luci e girare i vasi su se stessi periodicamen-
te. Si dovranno poi spostare le piante più cresciute ai lati. Conviene
che il giardino sia il più uniforme possibile.
Quando tutte le piante avranno raggiunto l'altezza desiderata, sarà
11 momento di cambiare i tempi di illuminazione (12 ore di luce e
12 di oscurità), forzando le piante a fiorire. Se si vuole continuare il
ciclo si preleveranno le talee prima di passare alla fase di fioritura
(vedi cap.17).
L'uso di ventilatori non sarà necessario durante la notte a meno che
non vi sia eccesso di umidità; inoltre si eviti di puntarlo direttamente
sulle piante. Nelle prime settimane di vita il ritmo consigliato di
accensione e spegnimento del "vento", regolabile con un timer
apposito, è di 20 minuti acceso e 30 spento: questo serve a conce-
dere un periodo di "recupero" alla pianta. Gli estrattori che "aspi-
rano" aria fresca dai fori di areazione posti in basso e che estrag-
gono l'odore insieme all'aria vecchia devono sempre funzionare a
luci accese ed essere efficaci nel mantenere la temperatura a livelli
accettabili: vanno perciò collegati al timer delle luci.

 


12 FASE DELLA FIORITURA


Quando si trovano in condizioni di 12 ore di luce e 12 di buio
(giorno = notte), le piante hanno un cambiamento nella loro chimi-
ca interna che provoca una crescita differente, rallentata. Dopo 7-
14 giorni di questo trattamento le piante iniziano la formazione dei
primi fiori.
È importante che i tempi siano precisi e che la notte sia buia (con-
trollare bene che non ci siano infiltrazioni di luce), perché l'inquina-
mento luminoso durante la notte nuoce alla formazione dei fiori. Un
periodo diurno più lungo provocherebbe confusione, ritardando la
fioritura o bloccandola quando è già avanzata. Un fotoperiodo più
corto potrebbe accelerare il processo, ma ne conseguirebbe una
produzione minore. Con la comparsa dei primi fiori si può final-
mente osservare il sesso delle piante (vedi cap.13).
Una volta determinato il sesso allontaneremo ed isoleremo con cura
i maschi dalla nostra coltivazione, permettendo così alle femmine di
disporre di più spazio, senza il rischio di venire completamente
impollinate e riempirsi di semi (basta l'apertura di 1 solo fiorellino
maschio). I maschi si possono usare raccogliendo con cura il polli-
ne, con cui otterremo nuovi semi impollinando le femmine.
Se non impollinate, le femmine produrranno fiori in modo continuo
fino a formare grandi cime. Se impollinate, la fioritura si ferma e si
sviluppano e maturano i semi.
A sinistra:
fiore maschile.
A destra fiore
femminile

 

 

 

 

Dettaglio della cima fio-
rita di una pianta fem-
mina che raddoppierà
le sue dimensioni
prima di giungere a
maturazione.

Al momento della fioritura,
conviene concimare con un
prodotto adatto a questa
fase, diluito in dosi leggere
nell'acqua di innaffiatura.
Questo stimolerà la produ-
zione di fiori. Solitamente i
maschi si evidenziano
prima delle femmine. Ma se
dopo due settimane non ci sono fiori, può essere che la notte non
sia sufficientemente buia, o che ci sia una sovrabbondanza di
azoto oppure mancanza di fosforo. In questo caso sarà necessaria
una concimazione adatta. Anche il fatto di adoperare semi non pre-
visti per la coltivazione in interno può provocare fioriture tardive,
allungamenti incontrollati, produzione scarsa.
Una volta iniziata la fioriritura, le piante non smettono di produrre
fiori che si riuniscono in grappoli. Insieme ai fiori crescono foglietto
a una lamina sola, che hanno un aspetto diverso rispetto alle foglie
cresciute in precedenza. Le cime sono formate da questi grappoli di
fiori e da germogli teneri: presto si vedranno ricoperti di ghiandole
trasparenti e piccolissime che le faranno sembrare brinate. Le minu-
scole gocce che brillano alla luce non sono altro che la preziosa
resina. Le piante e i fiori raggiungono la loro dimensione definitiva
circa trenta giorni dopo la comparsa dei primi fiori. Poi inizieranno
a maturare riempiendosi di resina per ancora una o due settimane.
Il processo di fioritura dura tra i 45 e i 65 giorni secondo la varietà
e le condizioni create.
Le femmine hanno un singolo fiore formato da un calice da cui esce
un pistillo formato da due "peli bianchi" a forma di "V", che hanno
il compito di captare il polline maschile che si deposita poi nel cali-

ce, dove si formerà il seme. Quando la
pianta è impollinata, le sue energie
vanno alla produzione dei semi, per
cui la crescita dei fiori e la produzione
di THC si fermano. Durante la fase di
maturazione, i calici si chiudono e i
pistilli iniziano a seccarsi diventando
marrone o aranciati. A loro volta, le
ghiandole resinose si riempiono e la
pianta sembra interamente coperta di
brina. Questo si può sentire passando
due dita su una cimetta: si rompe qual-
che ghiandola e si impregnano i polpa-
strelli. Le resine hanno aromi differenti
secondo la varietà, alcuni molto caratteristici.
E normale che con il passare dei giorni le grandi foglie ingiallisca-
no e cadano, mentre le cime e i nuovi germogli conservano vigore
e colore. Conviene togliere le foglie a mano a mano che ingiallisco-
no, perché fanno ombra, ma non bisogna mai togliere le foglie
verdi. Dobbiamo pensare che le foglie funzionano come pannelli
solari, captando l'energia di cui la pianta ha bisogno. Funzionano

anche come magazzini di riserva per gli elementi nutritivi, definiti
appunto "mobili" (N, P, K, Mg). Quando ingialliscono è perché la
pianta li sta utilizzando e li sposta nelle zone più in luce. Le foglie
gialle e sciupate saranno facili da togliere semplicemente tirandole
verso il basso e senza bisogno di strattoni. E invece utile togliere i
rametti e le cimette più in ombra, cosicché tutto il vigore vada solo
nelle zone che sono più esposte alla luce e che renderanno al mas-
simo. Questa operazione si può effettuare anche a fioritura iniziata.
Quando un fiore matura senza essere stato impollinato, i pistilli si
seccano diventando marroni e il calice si gonfia e si chiude come
se contenesse un seme. Le ghiandole resinifere che lo ricoprono
sono pienissime e le più vecchie iniziano ad avere un colore ocra
(visibile solo con una buona lente d'ingrandimento). L'osservazione
è fondamentale per determinare il grado di maturazione.

Quando la maggioranza dei pelucchi bianchi (pistilli) diventano
color marrone e rallenta la crescita di fiori nuovi, la pianta è matura
e pronta per il raccolto. Se si anticipa molto il raccolto, ne risente
negativamente la resa totale in peso, la percentuale di THC ed il
gusto, molto più erbaceo (meno zuccherino e aromatico); se la
pianta non fosse raccolta in tempo, finirebbe comunque per morire
e degradarsi.


 


Tra tutte le caratteristiche e peculiaritàdi ogni varietà, una
delle più importanti è la durata del periodo di fioritura.
Le specie più premature arrivano a maturazione in
circa sei settimane.
le indiche fioriscono prima e danno un miglior raccolto in rapporto
alla scarsa altezza. Le "sative pure" sono difficili da adattare alla
coltivazione in interno, perché continuano a crescere molto anche
in fase di fioritura, occupando troppo spazio in proporzione alla
resa di una afghana indica.
Alcuni coltivatori iniziano la fioritura con un periodo di 10-12 ore
di buio e lo aumentano gradatamente, fino alla media di 14-16 ore
di oscurità durante le ultime settimane. In questo modo accelerano
la maturazione, ma ottengono un raccolto inferiore rispetta a quello
di una proporzione giorno/notte costante per tutto il periodo della
fioritura.

Con molta
evidenza si
vedono gli
stimmi [i peli-
ni bianchi) e
gli ovai.

 


 

 

 

 

13. DETERMINAZIONE DEL SESSO

 


Le piante danno piccoli fiori attaccati al fusto principale all'altezza
dei nodi e all'ascella con il ramo, vicino ai germogli dei nuovi rami
e dove sono attaccate le grandi foglie. I primi fiori appaiono solita-
mente intorno all'ottavo o nono nodo dalla base, quando la pianta
ha già formato dodici o più nodi (questo dato può variare legger-
mente secondo la varietà). Questi fiori prematuri possono anche
comparire nel periodo di crescita prima della fioritura. Ma siccome
non sono ancora ben formati, non sempre sono di aiuto alla deter-
minazione del sesso.
Le femmine, come abbiamo detto, formano un fiore caratterizzato
da un calice di colore verde da cui nasce un filamento bianco che,
una volta formato, si apre in due pistilli che formano una "V" con le
due punte verso l'alto. Questi fiori nascono attaccati al fusto. Alcune
varietà hanno i pistilli color viola, arancio o porpora. Ogni calice è
coperto di ghiandole di resina trasparenti, i piccoli germogli e i
fiori crescono insieme in raggruppamenti, sono chiamati "cime" e
sono infiorescenze coperte di peli bianchi (pistilli) e resina. La punta
della pianta, o cima apicale, è formata dall'insieme delle cime più
illuminate che, cresciute insieme, ne formano una molto grande e
allungata come una coda, da cui il nome "cola" che le viene dato
in Spagna. Anche le punte dei rami laterali formano belle cime,
solo leggermente più piccole.



L'osservazione
dei primi fiori
internodali
consente di
determinare
precocemen-
te il sesso
della pianta. I
fiori maschili
si presentano
dapprima un
po' ricurvi, poi
si formeranno
piccoli boccioli
rotondi a
punta.
Nei fiori fem-
minili si
ingrossa
prima l'em-
brione, che
diventerà un
calice tubola-
re di forma
conica da cui
presto spun-
teranno due
pistilli bianchi.
In alcune
varietà i pistilli
possono esse-
re rossi o
gialli

 

Le femmine sono solitamente più basse e spesse (più ramificate). A
volte formano un ingrossamento alla base dei rami, dove aderisco-
no al fusto centrale, ma soltanto la comparsa dei fiori ci indicherà
con certezza il sesso.
Quando sono formate le cime, ma ancora non hanno nessun pistillo
marrone, è il momento buono per impollinarne qualcuno allo scopo
di ottenere semi. Per far questo occorre che un po' di polline di un
maschio entri in contatto con il pistillo della femmina (vedi cap. 14),
solamente sulle infiorescenze che si vogliono avere piene di semi.
I maschi si riconoscono per la formazione di alcuni fiori che, prima
della maturazione, hanno l'aspetto di palline verdi o piccoli chicchi
di riso, singoli o a grappoli, aderenti al nodo. Quando completano
il loro processo di crescita, queste "palline" pendono da un picciolo
e assumono un colore più giallastro come minuscoli meloni, con
qualche striscia più verdastra. Queste "palline" si aprono in quattro
sepali da cui escono quattro stami giallini pieni di polline. Il polline
non tarderà molto a librarsi nell'aria, una volta aperto il fiore:
apparirà come una polvere finissimo gialla e biancastra che vola
nell'aria, propagandosi con facilità. Occorre isolare i maschi dalle
femmine non appena si identificano i fiori e prima che si aprano.
Appena 2 o 3 fiori possono impollinare un'intera coltivazione
indoor (grazie alla ventilazione); per questo di solito si sacrificano i
maschi, oppure si fanno maturare vicino a una finestra o in un giar-
dino, purché lontano dal nostro impianto. Una volta iniziata la fiori-
tura, il maschio la prosegue in qualsiasi condizione, essendo molto
meno esigente della femmina.

 

14. IMPOLLINAZIONE


II metodo più sicuro per raccogliere il polline da un maschio già
allontanato dall'area di coltivazione è introdurre la punta di cresci-
ta del maschio più "adatto" (scelto come inseminatore) in un sac-
chetto di carta bianca o trasparente. Si lega il sacchetto al ramo
con nastro adesivo e si tagliano le punte di crescita dei rami liberi
lasciando le grandi foglie per mantenerlo
vivo, togliendo tutti i fiori che sono fuori dal
sacchetto. Quando i fiori si aprono e il polline
cade, lo si potrà vedere in trasparenza. A
quel punto si taglia il maschio alla base, lo si
appende capovolto, e si aspetta qualche gior-
no perché liberi tutto il polline (vedi disegno).





Si introduce la
cima in una busta
che si sigilla.
Quando il grappo-
lo di fiori maschili
è ben formato si
taglia la pianta e
si raccoglie come
mostrato nella
figura. Il polline si
depositerà in
fondo alla busta.



Per impollinare depositeremo un po' di polline
in un sacchetto di cellophane (come quello dei
pacchetti di sigarette), e introdurremo una
cimetta ben illuminata di uno dei rami della zona media della pian-
ta in questo sacchetto avendo cura di non danneggiarla. In quel
momento i ventilatori devono essere spenti. Chiuderemo il sacchetto
con nastro adesivo e gli daremo qualche colpetto per far muovere
ed aderire bene il polline ai pistilli. Occorre ritirare il sacchetto il
giorno dopo, soffiando via il polline in eccesso (possibilmente fuori
dal sito di coltivazione, perché il polline resta fertile per almeno un
paio di settimane e fino a due mesi) e aspettare che i semi si formi-
no e maturino sulla pianta. Quando sono pronti, il calice si apre
lasciando vedere il seme ben brunito. L'impollinazione di uno o più
rami non compromette la qualità della "sinsemilla" del resto della
pianta. In ogni modo è importante ricordare che non conviene
impollinare la punta (cima apicale), per non riempire di semi pro-
prio la parte più pregiata.

 

15. ERMAFRODITISMO


Esistono varietà di cannabis, soprattutto salive delle regioni equato-
riali e tropicali, in particolare in Messico e in Tailandia, che sono
ermafrodite. Data la poca variazione fra estate e inverno nei climi
subtropicali, queste varietà fioriscono tutto l'anno. Si tratta di femmi-
ne capaci di produrre alcuni fiori maschili con cui impollinare sé
stesse e le loro vicine.
L'ermafroditismo può comparire in condizioni di stress (condizioni
di vita al limite della sopravvivenza o alterazioni anomale del ritmo
giorno-notte) nelle piante di entrambi i sessi.
E molto facile che, applicando la tecnica della "sinsemilla", toglien-
do cioè i maschi e coltivando le femmine separatamente, queste,
oltre a creare fiori per captare il polline che non c'è, difendano la
propria varietà formando fiori maschili. Generalmente sono molto
pochi e sono difficili da vedere. Questo è il motivo per cui occasio-
nalmente si trovano dei semi in alcune cime o piante, in assenza di
maschi nelle vicinanze. Queste piante sono geneticamente femmi-
ne, perché manca il gene "y" legato al sesso del maschio. Se i fiori
maschili sono scarsi, si devono ritirare con una pinzetta, se sono
molti e la pianta è realmente ambigua, allora sarà ermafrodita e
non è consigliabile usarla per la produzione di semi, perché tra-
smette ermafroditismo alle generazioni future, ma è preferibile



allontanarla dalle altre femmine. Pochi semi in una cima non nuoc-
ciono alla qualità della "sinsemilla", ma con 10 fiori maschio ogni
cima di 20 cm il danno diventa evidente, se questi si sono aperti
prima della completa formazione delle cime.

 

16. TALEA O SEME ?


Per perpetuare un impianto dobbiamo produrre semi oppure adope-
rare la tecnica della clonazione, con talee dai rami della pianta
voluta, facendo loro produrre radici per creare, da ognuna di esse,
una pianta indipendente ma con le stes-
se caratteristiche genetiche. Prima di
spiegare questo procedimento esporre-
mo vantaggi e inconvenienti dei due
metodi (talee e semi).
Il problema maggiore quando si parte
dai semi è che la percentuale di femmine
è attorno al 50% nel migliore dei casi,
mentre con le talee il sesso è determinato
in origine.

In basso le diverse fasi
della preparazione delle
talee.
1. Si taglia il gambo a
metà fra due nodi.
S. Il taglio va effettuato
in diagonale con un col-
tello affilata.
3. Si ripulisce dalle
foglie il nodo che sarà
interrato.
4. Si accorciano le
foglie delle talee per
ridurre la traspirazione.

 

La cosa più importante è con-
trollare la qualità dei semi al momento

Nelle foto di questa
pagina e di quelle suo-
cessive si può vedere
come, operando
diversi tagli, si posso-
no ottenere diverse
talee da una pianta.

del reperimento e dopo averli fatti germogliare. Possiamo autoprodurre
buoni semi incrociando gli esemplari maschio e femmina migliori
di una stessa varietà o realizzando incroci fra varietà diverse, operazione
che si chiama ibridazione.
Allo stesso modo, dobbiamo tener presen-
te che se vogliamo conservare una varietà, è difficile che riesca a
mantenere le stesse identiche caratteristiche nelle generazioni suc-
cessive. Solitamente si osserva una perdita di potenza e di vigore
molto evidente a partire dalla 7a-8a generazione. Sarebbe più inte-
ressante per il coltivatore in interno incrociare due varietà fra loro
allo scopo di trovare un ibrido che, con un po' di fortuna, erediti le
qualità più auspicate dalle piante madre e padre, e si adatti all'am-


biente creato. E probabile riscontrare una diminuzione di potenza
cercando di mantenere una specie pura piuttosto che creando ibri-
di. D'altro canto, un altro dei problemi che incontriamo è che quan-
do si piantano semi di uno stesso tipo possono crescere piante
molto diverse tra loro, per quanto 'figlie' degli stessi 'genitori'. Non
si può mai garantire che il codice genetico arrivi intatto e uguale in
tutti i semi: la natura privilegia la differenziazione perpetua, mentre
il mercato (o il consumatore) preferiscono caratteristiche sempre
identiche nel tempo.
Con la tecnica di propagazione per talea abbiamo comunque a
portata di mano la possibilità di moltiplicare quante volte vogliamo
la pianta che si faceva notare fra tutte. Si può tagliare una pianta a
pezzi o prelevare rami da diverse piante, e si può anche donare
da un clone all'altro all'infinito secondo alcuni autori, mentre è più
realistico constatare che esiste
un limite. In teoria, se il proces-
so è perfetto non può esserci
perdita dell'informazione geneti-
ca nelle successive clonazioni,
tale da comportare una diminui-
ta produzione di resina. Tuttavia
si verifica una perdita delle
capacità di difesa immunologi-
che nei cloni dei cloni, sempre
più evidente e drastica nelle
generazioni a seguire. Una malattia provocata da batteri o funghi
potrebbe colpire la generazione seguente obbligandoci a cambiare
pianta madre.



La talea, una volta sviluppate le radici, viene trattata come una giovane pian-
tina. A volte le talee sono molto ramificate e non vi è una sola
punta centrale, questo pare dipendere dalla forma del ramo d'origine.
La pianta dovrebbe avere un'altezza di circa 30 centimetri o un'età
minima di 3 settimane al momento del primo taglio della cima (un
paio di settimane più tardi ne avremo 4-6, anch'esse ottime per fare
talee) ed essere rimasta in crescita con un fotoperiodo di 18 ore di

luce e un'illuminazione adatta. E
possibile che per fare ciò sia
necessario avere un impianto
separato per una o più piante
"madri". Al momento del prelievo
delle talee, devono essere sane e
vigorose, in piena fase vegetati-
va: non conviene prelevare le
outdoor vicine a fiorire, perché
anche se le talee fioriscono,

rimangono piccole: le piantine non hanno avuto il tempo di cresce-
re. Quelle indoor le preleveremo in qualunque momento durante la
fase vegetativa, perché stabiliamo noi il fotoperiodo della madre.
E possibile far talee a partire da piante cresciute sotto luce fluore-
scente o proveniente dall'esterno,
benché questa pratica non sia
consigliata in interno per il perico-
lo di contaminazione da uova e
parassiti.
Volendo portare a fioritura la
pianta da cui si sono prelevate le
talee, conviene lasciarla ancora
qualche giorno (almeno 1-2 setti-
mane) in crescita sotto una buona
luce perché recuperi il suo vigore
dopo il trauma subito, dato che
avrà bisogno di produrre nuovi
rametti e germogli per iniziare a



fiorire. Siccome le talee si possono prelevare solo durante la fase di
crescita, spesso non conosciamo ancora il sesso delle piante ne il
tipo di prodotto finale.
Se una talea è sottoposta a una particolare esposizione alla luce
per la crescita, si sviluppa come una pianta, e se la sottoponiamo a
quella per la fioritura, rivelerà il suo sesso prematuramente produ-
cendo fiori. Pertanto, se nella fase di crescita prendiamo un paio di
campioni da ogni pianta e li forziamo a fiorire, avremo un sistema
per determinare il sesso delle nostre piante prima di passare alla
fase di fioritura. E importante, per far questo, identificare bene ogni
talea cori la pianta d'origine, e prendere più di un campione, nel
caso in cui qualcuno morisse. Il buon esito del radicamento di tutte
le talee prelevate dipende dall'attenzione che si porrà nel seguire
tutti i passi necessari. La cannabis è una pianta che si presta con
relativa facilità alla moltiplicazione per talea e gli insuccessi sono
occasionali, generalmente dovuti a una disattenzione in alcune fasi.
La grande diffusione di questa pratica per la coltivazione indoor è
dovuta al fatto che lavorando con talee uguali, oltre ad ottenere
un'uniformità nel giardino rispetto ad altezze, tempi di crescita e
fioritura, necessità in acqua e luce, eccetera, otterremo un incredibi-
le campo di prova con risposte verificate. Per esempio, volendo
testare un determinato concime, diverse concentrazioni di fertiliz-
zante nell'acqua di irrigazione oppure una determinata distanza
della luce, si fa la prova con talee di una stessa pianta, genetica-
mente identiche:'i risultati ci daranno le chiavi di come dobbiamo
procedere nelle prossime occasioni. Se l'esperimento viene fatto
con piante nate da semi provenienti da stessa madre e stesso
padre, non potremo mai sapere se la loro forza o vitalità siano
dovute al concime provato o alla loro stessa natura. Ciascuna pian-
ta nata da seme è comunque unica ed irripetibile, al pari di fratelli
e sorelle nati dagli stessi genitori.
Non bisogna smettere di piantare periadicamente nuovi semi in
cerca di una pianta madre di miglior qualità, dato che conviene
cambiarla quando si osservano perdite di vigore nelle successive
talee, dovute all'invecchiamento fisiologico della madre stessa.
Con un piccolo impianto per le talee, uno di crescita e uno di fiori-
tura, si può fare un raccolto ogni due mesi con talee prelevate dalla
stessa pianta ogni due mesi, per l'arco di un anno.
La luce ideale per il radicamento delle talee è quella fluorescente.
Con un paio di lampade fluorescenti da 120 cm si copre un'area di
120 x 40 cm dove trovano posto un'infinità di talee. Necessitano di
luce tenue e tutta nella banda blu dello spettro, ecco perché i neon
sono i più adatti, anche perché non scaldano.
La distanza tra i cloni e le lampade fluorescenti sarà la stessa che
per i germogli, tra i 5 e i 15 cm. Se si dispone soltanto di luce ad
alta pressione, si dovrà improvvisare una piccola serra lontano da
questa luce, mantenendo così anche un grado di umidità convenien-
te. Se l'umidità è eccessiva, si aprirà uno dei lati.

 

 

17. PROCEDIMENTO PER PRODURRE TALEE

 

1 - Si taglia un pezzo di ramo da 5 a 12 cm che contenga almeno
due nodi oltre alla punta di crescita. Il taglio si farà con un cutter




La talea si preleva da un
ramo che contenga almeno
tré nodi oltre alla punta di
crescita.
Il taglio, effettuato con una
lama perfettamente affilata,
sarà a 45°.
I nodi che saranno interrati
vanno delicatamente ripuliti
da faglie o germogli.

 

affilato o una buona forbice da pota-
tore, ben puliti, a metà distanza tra
due nodi, e sarà inclinato con un
angolo di 45 gradi. Il taglio deve
essere netto, il fusto non deve essere
danneggiato. Se si vuole un giardino
uniforme, conviene tagliare i pezzi di
dimensioni uguali. E consigliabile
scegliere di tagliare i rami inferiori
prima di quelli superiori o della
punta. I più adatti sono i piccoli rami
della base, che non riusciranno mai a
svilupparsi all'ombra dei grandi rami.
Se invece si preleva la punta, si stimola la "madre" a ramificare di
più, perciò qualche tempo dopo fornirà altre numerose talee.

2 - Le talee devono preferibilmente avere almeno un nodo interrato
e due o tré fuori terra, oltre alla punta. I nodi da interrare si dovran-
no ripulire con le forbici da germogli e foglie. Da questi nodi cre-
sceranno più facilmente le nuove radici. Si dovranno porre imme-
diatamente in un recipiente con acqua tiepida (21-24 °C) che rico-
pra il taglio, che non deve asciugarsi, e le parti da interrare.
3 - II substrato raccomandato è costituito da una miscela uniforme
di un terzo del volume di torba e due terzi di perlite o inerti simili,
eventualmente con un po' di humus di lombrico (non più del 10%
del volume). Mettono radici
anche negli inerti: sola vermi-
culite, sabbia fine, perlite o
nei blocchi di lana di roccia.
L'importante è che sia una
miscela molto porosa e sciolta,
in modo da contenere acqua e
aria in parti uguali, poiché
l'ossigeno è necessario allo
sviluppo delle radici. Usare il
terriccio apposito per piante
solo come ultima risorsa.
Meglio che non sia ricco di
fertilizzanti azotati (questi ser-


Irecipienti che consigliamo
sono i vasetti di torba, biode-
gradabili, che mantengono l'u-
midità e permettono alle radici
di attraversarne le pareti. La
scanalatura in basso permette
un miglior drenaggio.
La talea si introduce nel vaso
avendo cura che non tocchi il
fondo. Si comprime poi la terra
delicatamente intorno alla talea
perché stia dritta.

viranno solo in un secondo
tempo, quando le radici saranno
già formate) perché la presenza
di N ne ritarda lo sviluppo : la
pianta non sviluppa tante radici
perché c'è già azoto e non deve
"fare la fatica" di andare a cer-
carlo con delle radici ben svilup-
pate.

4 - I recipienti raccomandati
sono i vasi fatti di torba: manten-

gono l'umidità, elemento indispensabile in questo processo, e per-
mettono alle radici, una volta cresciute, di attraversare le loro pare-
ti. Questi cubetti devono avere una scanalatura o un foro di drenag-
gio, altrimenti lo faremo noi. Basterà un taglio alla base. Se non si
dispone di questi vasi, vanno benissimo i vasetti di plastica, come
fanno i floricoltori. La profondità del recipiente deve permettere di
interrare il o i nodi senza che la punta inferiore, dove si è effettuato
il taglio, arrivi a toccare il fondo, poiché potrebbe danneggiarsi.
5 - Inumidire parzialmente la miscela e riempire i vasetti, praticare
un foro al centro con una matita che arrivi oltre i 2/3 dell'altezza
del vaso. Si porranno i vasi su un vassoio con scolo, col fondo
coperto di ghiaia sulla quale poggiano i vasetti, o su una rete con
supporto, per evitare che rimangano a contatto con l'acqua drena-
ta. La miscela e i vasetti devono essere inumiditi. Si raccomanda
l'uso di vasi di torba o di plastica piramidali di 4 x 4 cm e 6 di
profondità. Con vasi più grandi si ritarda la comparsa delle radici.

6 - A questo punto è necessaria la presenza di un ormone che facili-
ti il radicamento. Sono in commercio come ormoni per i trapianti e
si trovano sia liquidi che in polvere per piante "erbacee" o "bgno-
Vi sono diverse marche, una qualsiasi va bene, basto che sia
adatta per piante erbacee. Occorre leggere le istruzioni per l'uso,
perché alcuni possono risultare tossici se non si maneggiano con
cura e nelle dosi consigliate, e queste saranno indicate sulla confe-
zione.
Le talee si dovranno 'infarinare' a una a una con l'ormone in polve-
re sui 3-4 cm di gambo che verranno interrati. Con un pennello
secco o con qualche leggero colpetto si toglie l'eccesso di ormone
perché rimanga un rivestimento uniforme. Bisogna evitare, soprattut-
to, che qualche grumo ostruisca i fori del gambo dalla parte del
taglio. Una volta applicato l'ormone, si introduce la talea nella terra
in vaso, nel foro praticato in precedenza, cercando di non farle toc-
care il fondo del vaso, poi si comprime dolcemente il terreno ai lati
e sopra perché aderisca bene al gambo e la pianta resti eretta.

7 - Sistemare tutte le talee in uno o più vassoi con scolo che si adat-
tino all'area illuminata e innaffiarle in modo individuale e con un
getto molto fine fino a quando non drenano, ossia non appena l'ac-
qua esce dal fondo, per evitare che il terreno venga dilavato con
l'innaffiatura. Si sistemano poi sotto le luci fluorescenti dando loro
un minimo di 1 8 ore di luce o più, fino anche a 24 ore.

Le talee perderanno comunque le foglie più basse, perciò è meglio
eliminarle da subito per ridurre la traspirazione d'acqua eccessiva.
Alcuni eliminano anche alcune lamine o mezza foglia, lasciano
solo la foglia più giovane in formazione, più una già ben aperta.

L'acqua drenata contiene
l'ormone, conviene rici-
clarla e aggiungerne di

Le talee appaiono
inizialmente 'stan-
che', ma poche
ore dopo essere
state innaffiate si
ridesteranno.




Le prime due
illustrazioni
mostrano
come si tra-
pianta una
talea radicata
nel suo reci-
piente definiti-
vo. Le due in
basso mostra-
no diversi pos-
sibili 'pezzi'
della pianta da
cui fare talee.






nuova. Le innaffiature si faranno secondo le necessità, ma abitualmen-
te si innaffia una volta al giorno. Se si innaffia poco, col sustrato
poroso i vasetti si seccano nelle pareti esterne, segno di mancanza di
acqua. Se si innaffia molto, si formeranno muffe dannose alle radici
nei vasi e anche alla base del gambo, che marcirà. Se i vasetti si sec-
cano molto rapidamente, questo può essere dovuto a mancanza di
irrigazione o temperatura eccessiva, magari dovuta alla vicinanza
alla luce, o a troppa ventilazione. Per contrastare gli effetti della luce
e controllare l'umidità la cosa migliore è improvvisare una piccola
serra con plastica trasparente, lasciando i lati parzialmente aperti per
permettere una moderata areazione e controllando che la temperatu-
ra interna non superi 26 °C (meglio 21-24 °C).
8 - L'uso di ventilatori non è consigliato durante questa fase perché l'u-
midità non deve scendere sotto il 60%. Dobbiamo pensare che l'umi-
dità elevata e le temperature calde, dell'ambiente e del terreno, favo-
riscono e accelerano la formazione di radici.
Le talee radicano in un tempo che va da una a due settimane.
Quando questo avviene, le piante cominciano a svilupparsi e si ini-

Talee pron-
te a iniziare
a radicare
sotto la
luce fluore-
scente. I
cartellini
che identifi
cano la spe-
cie sono
indispensa-
bili per non
fare confu-
sione.




ziano a trattare esattamente come le piantine provenienti dai semi.
Nel prelievo di talee da piante che faremo poi fiorire, conviene sce-
gliere rametti interni e più bassi. La raccomandazione è logica per-
ché in ogni coso la luce raggiungerebbe solo la metà superiore della
pianta. Inoltre la potatura consente una buona aerazione della zona
bassa del giardino. Le talee più vigorose sono quelle provenienti dalle
cime dei rami.

 


18 . SISTEMA CONTINUO CON IMPIANTO TRIPLO


II sistema che abbiamo spiegato è ideale, perché ci da da quattro a
sei raccolti l'anno. In ogni caso, ricapitoliamo quello che abbiamo
visto finora.
L'impianto è composto da tré zone:
a) Zona di radicamento di talee / germinazione dei semi; occu-
perà un'area di 120 x 40-00 cm e sarà illuminata da due o quattro
tubi neon di 120, o meglio di 150 cm. L'altezza minima deve esse-
re di 50 cm.

b) Zona di crescita vegetativa che corrisponderà a un'area di 180
x 60 cm e che sarà illuminata con una lampada ad alta pressione
da 400 W. Raccomandiamo una HPI-T della Philips montata su una
MGR 300, sempre della Philips e speciale per serre. L'altezza mini-
ma sarà di 1-1,5 m, secondo la dimensione della lampada.

e) Zona di fioritura la cui area dovrà misurare 180 x 60 cm, l'altez-
za minima sarà di 2 metri, sarà illuminata con una lampada al
sodio ad alta pressione (HPS) da 400 W e sarà totalmente oscurata
durante il ciclo di 12 ore di buio. Raccomandiamo una SON-T mon-
tata su una SGR 200 della Philips.

Un impianto con sei lampade fluorescenti sarebbe anche adatto per
la zona B, benché la resa sia di poco inferiore. Le zone B e C
potrebbero essere illuminate
con una SON-T AGRO 400
W ciascuna, perché questo
tipo di lampada è indicato
per tutto il ciclo vegetativo.
Alcuni coltivatori raddoppia-
no la fonte di luce nella zona
di fioritura ottenendo una
dimensione maggiore delle
cime, e quindi un miglior rac-
colto (ma anche l'aumento del
consumo di elettricità): in
realtà qualsiasi intensità lumi-
nosa superiore ai 50.000
Lumen/m2 è da considerarsi
un inutile spreco di energia e
soldi (secondo valutazioni
sperimentali una SON-T 400
W ha una resa di 48.000
L/m2, efficace con il suo riflet-
tore adatto per una profondità
di 60-70 cm dalla cima della
pianta (o 1 10-130 cm dal
bulbo).

Un impianto a tre fasi8
montato in un armadio.

 

Perché il sistema funzioni in continuo si da per scontata l'esstenza
di talee femmine che si saranno fatte radicare nella zona A prele-
vate da una o più piante femmina che così vengono denominate
"madri" e che sono alloggiate in un sistema a parte (ad esempio un
altro armadio) ben nutrite e costantemente esposte a 18 ore di luce
e 6 di buio. Questo può funzionare come una zona più grande
A+B, contenente la/le madri ai cui piedi vengono fatte radicare le
talee, che infatti necessitano dello stesso fotoperiodo vegetati/o e di
una luce meno intensa. Quando le radici spuntano, si trapiantano
nei vasi definitivi e si passano nella zona B. Qui cresceranno fino a
raggiungere l'altezza di 30-35 cm. A questo punto si dovranno pre-
levare le talee dalla stessa pianta madre o dalle talee appena radi-
cate (conviene prelevarne più del necessario per essere sicuri del
risultato) che si metteranno a radicare nella zona A. Le piante già
cresciute si asceranno ancora qualche giorno nella zona B perché
si riprendano dal trauma del taglio, e si passeranno nella zona C
perché fioriscano e compiano il ciclo. A quel punto, le loro stesse
talee della zona A saranno cresciute, passeranno alla zòna B e
saranno pronte a fornire a loro volta talee per la zona A e a passa-
re alla fioritura.


Fiore femminile a per-
fetta maturazione pron-
to per essere raccolto.


In questo modo, il raccolto ritarda solo per il tempo necessario alla
fioritura. Se le piante che stanno fiorendo non hanno terminato il



loro ciclo (circa due mesi) quando le talee che crescono nella zona
B hanno già raggiunto l'altezza voluta, dovremo cimarle in attesa
che le piante maturino. Un'altra possibilità consiste nel portare il
ciclo diurno a 18-14 ore e ritardare la crescita vegetativa in attesa
che le piante fiorite giugano a maturazione.
Gli sfasamenti nei ritmi di crescita dipendono molto dalle varietà
che si coltivano e dalla propria esperienza. Coltivando varietà dif-
ferenti con tempi di crescita e maturazione differenti, si dovranno
ritirare le piante a mano a mano che compiono il loro ciclo e si
sostituiranno con altre dell'impianto di crescita. Questo metodo
richiede più attenzione perché si avranno sempre piante in tutte le
fasi, sicché non si potrà parlare di un raccolto, ma di raccolta conti-
nua individuale, ed una eccellente opportunità per conoscere a
fondo il comportamento di questa pianta. Bisogna però essere
ancor più attenti ad evitare nel tempo contaminazioni con parassiti:
se riescono ad insediarsi indoor, in breve tempo infestano tutta l'a-
rea di coltivazione e di fioritura.

 

 

19. RACCOLTA ED ESSICCAZIONE


Quando la pianta è matura, si taglia alla base o si tagliano i rami
principali e si mettono a seccare. Alcuni tagliano prima la cima
principale e quella dei rami principali e lasciano che il resto della
pianta finisca di maturare. Alcune specie rispondono bene a questo
sistema. Si può anche provare a lasciare alcuni rami medi o un po'
di vegetazione e rimettere la pianta in crescita con 24 ore di luce,
stimolandola con una buona concimazione con alto contenuto di
azoto. Potremo recuperare così una pianta senza far talee se queste
non dovessero attecchire. Questo sistema è utile per ottenere un
secondo raccolto negli impianti semplici, anche se va detto che non
tutte le varietà rispondono bene a questo trattamento.
Una volta tagliate, bisogna liberare le piante dalle foglie grandi
che rimangono e si devono tagliare con le forbici le punte delle
foglie medie e piccole che non siano ricoperte di ghiandole di resi-
na e che spuntino fuori dalle cime. Le cime vanno curate con la

massima attenzio-
ne, evitando di
toccarle con le
dita, perché si
rischiano di rom-
pere le ghiandole
di resina a scapi-
to della buona
conservazione.
Bisogna sempre

La canapa
va essicata a
testa in giù
in un luogo
buio, mode-
ratamente
aerato e non
troppo secco.



maneggiare la pianta dal gambo al momento di curarla. Si può

mettere a seccare la pianta intera
già curata, i rami singoli o le cime
già separate. La resina contenuta
nelle ghiandole si perderà solo se
queste si staccano o si rompono a
causa di maltrattamenti. Le piante
o i rami possono essere messi a
seccare a testa in giù se si vuole
oppure su un vassoio o sulla
carta: non usate carta stampata,
spesso gli inchiostri sono malsani.
Non bisogna mai lasciare l'erba
ancora umida in sacchetti di pla-
stica o recipienti chiusi, così come
non si devono ammonticchiare le
cime perché si schiaccerebbero e l'essiccazione ne risulterebbe ral-
lentata: inoltre può innescarsi la fermentazione o la formazione di
muffa.

E' importante che l'essiccazione awenga in ambiente oscuro (senza
luce diretta), ventilato e non troppo secco perché il processo non sia
troppo veloce e l'erba sia ben "conciata". Se il luogo prescelto per
questa fase è molto secco o il processo troppo rapido, l'erba risul-
terà molto fragile, sbriciolabile e si sminuzzerà polverizzandosi.
Inoltre tenderà ad avere un fondo di "gusto di erba verde" poco
piacevole al palato e irritante per la gola. C'è anche il rischio che
si stacchino le ghiandoline di resina e si perdano, quando la cana-
pa viene completamente seccata. Se, al contrario, il luogo è umido
o mal ventilato, possono comparire funghi e muffe che rovineranno
il prodotto. Si consiglia di osservare l'interno delle cime e odorare
periadicamente l'erba per avvertire la presenza di muffa. Se questo
avvenisse, occorre togliere le parti colpite e arieggiare bene il
resto, fino ad essiccarlo velocemente.
La concia (o cura) è un procedimento di essicazione lenta, in uso
nell'industria tradizionale del tabacco, che ha lo scopo di fare con-
sumare clorofilla al materiale vegetale, quando esso è ancora par-
zialmente vivo.
Questo si traduce in una perdita totale o parziale
del colore verde e in un aumento degli zuccheri semplici e il gusto
si ammorbidisce perdendo l'amaro e irritante della clorofilla. Una
volta essiccato il vegetale, tutto il metabolismo, gli enzimi e micror-
ganismi scio resi inattivi e niente potrà più modificarne il gusto.
Una buona concia è imprescindibile, benché necessiti di un certo
tempo. Per questo motivo si scarterà qualsiasi mezzo di essiccazio-
ne rapida.
Si sconsigliano anche i metodi talvolta indicati, che sono
ormai obsoleti, come interrare l'erba o farla seccare con agrumi,
perché provocherebbero sicuramente la formazione di muffe,
La resina ccquista parte delle proprietà psicotrope e degli aromi
che la caratterizzano con l'ossidazione che si produce durante il
processo di essiccazione. Il tempo di cura normale è di sei-dieci
giorni, a seconda del luogo prescelto e la dimensione delle cime. Il
luogo perfetto dovrebbe essere simile a quello che si usa per con-
ciare il tabacco. La luce del sole e le alte temperature distruggono
buona parte del THC.
L'erba si potrà
impacchettare e
conservare soltanto
quando è ben secca
ma non si polveriz-
za o sbriciola se
pressata tra le dita
(consistenza asciutta
ma "grassa" e "mor-
bida"). Volendola
conservare in luogo
ermetico, conviene
foderare le pareti
del recipiente con la
carta, perché assor-
ba la poca umidità
che vi si potrebbe
condensare. Il con-
fezionamento sotto
vuoto è molto adatto
se si vuole conserva-
re la marijuana per

lunghi periodi. Più sono lunghi i periodi, meglio è conservarla al
freddo(5°-10°C)ealbuio.
Le diverse qualità di erba raccolta da una stessa pianta saranno
classificate dalla maggiore alla minore potenza nell'ordine seguen-
te: cima apicale della punta principale, cime dei rami laterali, cime
della zona intermedia della pianta, cime della zona inferiore, ger-
mogli giovani, foglie piccole, foglie medie. I fiori sono uniti ai rami
da un picciolo, per cui è facile separarli a uno a uno con le forbici,
evitando così di manipolarli eccessivamente. La raccolta deve esse-
re fatta dal basso verso l'alto del ramo fino ad arrivare alla cima,
che è meglio lasciare intera piuttosto che sminuzzarla nei fiori che
la formano. Le cime dei rami con i fiori più belli costituiscono la
prima qualità del nostro raccolto.
Alcuni le puliscono dalle foglie prima che le piante secchino. Altri
preferiscono che i rami secchino con le foglie per poi tagliare via i
fiori solamente una volta asciutte al 90%, quando cioè non sono
ancora completamente secche, sono ancora morbide e non perdo-
no la resina. Stese su un vassoio completano l'essiccazione in un
paio di giorni. Nel caso in cui l'ambiente fosse molto asciutto, le
foglie aiutano a ritardare l'essiccazione, perché contengono molta
acqua. Nel caso invece di ambiente meno ventilato e umido, è utile
toglierle per accorciare i tempi di essiccazione del ramo (vedi foto
a fianco: in solaio secco con foglie lasciate).

 


20. MALATTIE E PARASSITI


II modo migliore per prevenire i disastri che malattie e parassiti pos-
sono produrre è stare molto attenti all'igiene del giardino. A questo
scopo, occorre seguire le seguenti raccomandazioni.
* Non portare le piante all'esterno (balconi o giardini), se non per
sistemarvele definitivamente. In questo caso, come si è già spiega-
to, non si farà in modo diretto, ma dopo un periodo di acclimata-
zione perché la luce del sole non le bruci.
* Non accettare piante provenienti dall'esterno o altre indoor che
non siano assolutamente fidate.
* Se si è stati in campagna o si è stati a contatto con piante da
esterno e/o si lavora nei giardini, bisogna cambiarsi i vestiti e
lavarsi le mani prima di accedere all'impianto.
* Si devono evitare gli eccessi di calore e siccità con più di 28 °C
e meno del 40% di umidità, perché queste condizioni favoriscono
lo sviluppo di malattie e parassiti.
* Evitare di installare l'impianto sotto una tettoia del giardino o vici-
no a balconi che ci possono portare malattie e parassiti dall'ester-
no. Tanto più lontano sarà il nostro impianto da alcunché di natura-
le, meno precauzioni dovremo prendere a questo proposito. In natu-
ra ogni parassita ha il suo predatore che si nutre di lui, ma nel caso
dell'indoor l'ambiente è molto meno vario

I principali parassiti indoor della cannabis sono il
ragnetto rosso e la mosca bianca.
Sono pericolose anche le
lumache, le cocciniglie, i bruchi e i pidocchi, benché non siano
comuni in interno.

Le malattie e i parassiti attaccano tutte le piante e sono in commer-
cio nei centri di giardinaggio un'infinità di prodotti contro di essi,
sulle cui confezioni si trovano anche informazioni sul loro uso.
Conviene comunque usare i prodotti destinati all'agricoltura biologi-
ca, rispettando il margine di sicurezza raccomandato. Questo mar-
gine è solitamente di ventuno giorni, ed è sconsigliatissimo usare
spray chimici durante il processo di fioritura. Se le piante colpite
sono poche, devono essere riti-
rate dall'impianto e trattate
separatamente, oppure elimina-
te. Le malattie vere e proprie
sono costituite da virus e fun-
ghi: i primi sono una conse-
guenza della contaminazione
dei parassiti che, cibandosi, li
trasmettono attraverso le ferite.

Il ragnetto rosso (1) è un
acaro minuscolo della dimen-
sione di un punto. E di colore
rosso, marrone o nero secondo
la specie. Vive sulla lamina
inferiore delle foglie e può arri-
vare a formare colonie molto

numerose. Depone le uova e tesse le sue tele tra le venature della
lamina inferiore della foglia, ma gli adulti si possono ritrovare
anche sul lato superiore. Succhiano la linfa della foglia lasciando
un punto giallastro. Questi segni indicano la presenza del ragnetto
rosso. I ragni iniziano ad attaccare le foglie basse. Quando viene
scoperto il primo sintomo della loro presenza bisogna togliere le
foglie che sono state attaccate e uccidere gli individui visibili con
del cotone imbevuto di alcol o, semplicemente, con le dita. In segui-
to, si spruzzerà la pianta con acqua, perché l'umidità li infastidisce,
e si abbasseranno le temperature a 20 °C max (temperature basse
e umidità ne ritardano di molto lo sviluppo e l'aggressività). Si
applicherà poi, se è il caso, un apposito spray insetticida, meglio
all'inizio delle ore notturne, sempre dal basso e inclinando il vaso
affinchè il prodotto vada sulla lamina inferiore delle foglie. Occorre
ripetere l'operazione dopo una settimana. Conviene prevedere che
i ragnetti passeranno da una pianta all'altra, se le piante si tocca-
no, perciò se si evidenzia la presenza di questo parassita si dovrà
vigilare sull'intera piantagione.

La mosca bianca (2) si comporta in modo simile al ragnetto
rosso e le tracce che lascia sulle foglie sono simili. Vola formando
una nube di puntini bianchi che si alza non appena si scuote la
pianta. Le foglie si riempiono delle deiezioni delle sue larve (simili a
pidocchietti bianchi appiattiti
sotto le lamine delle foglie), assu-
mendo un aspetto lucido e collo-
so. E più difficile da debellare e
si diffonde più facilmente del
ragnetto rosso. Le deiezioni zuc-
cherine attirano le muffe danno-
se; un rimedio momentaneo con-
siste nello spruzzare acqua sulle
foglie sporche e abbassare deci-
samente la temperatura durante
la fase di buio, per alcune notti
di seguito, in modo da diminuire
la vitalità degli insetti con l'eleva-
ta differenza di temperatura tra
giorno e notte, e scoraggiarne la
riproduzione.

Molte specie di cannabis resistono a questi tipi di parassiti In altri
casi, solo alcune piante vengono colpite dai parassiti mentre le
altre resistono intatte. In ogni caso, quando si scopre la presenza
di insetti si dovrà far ricorso a insetticidi naturali che contengano
piretro, che sono validi senza costituire un pericolo eccessivo per
la nostra salute, e usarli seguendo con attenzione tutte le istruzioni
e precauzioni per l'uso indicate sulla confezione.
Occorre stare molto attenti alle formiche, che sono portatrici di
pidocchi e altri parassiti che usano per i loro scopi come si trattas-
se di bestiame da mungere.

Se l'irruzione dei parassiti avviene alla fine del ciclo, è meglio non
far uso di grandi rimedi, perché potrebbero risultare peggiori del
male stesso: conviene limitarsi a ridurre le temperature e spruzzare
acqua nebulizzata per infastidire e lavare via quanti più parassiti
possibile. Esistono "saponi potassici" usati in agricoltura biologica
che detergono meglio le piante da larve, uova, parassiti e loro
deiezioni, fornendo più K.

I bruchi (3), che mangiano i germogli
e i fiori, vengono eliminati manual-
mente se si tratta di poche piante
oppure con un batterio, inoffensivo
per l'uomo, che si trova in commercio
e si somministra con l'irrigazione. Le
lumache e le chiocciole, molto comuni
in esterno, si mangiano tutta la pian-
ta.

Le cocciniglie (4) sono molto fastidio-
se e dannose, perché si attaccano su
gambi e foglie riparate dalla loro
corazza e debilitano la pianta suc-
chiandone i fluidi. Se si riscontra la
sua presenza bisognerà, con santa pazienza, eliminarne quanto
più possibile manualmente o con l'aiuto di un pennello.
Una volta visti i pericoli principali per il nostro giardino, l'indica-
zione di prodotti semplici che si possono fabbricare in casa e sono

totalmente innocui per
le piante può essere di
grande aiuto per il con-
trollo dei parassiti.
Diamo qui la ricetta di
un insetticida casalingo
ed ecologico che, pur
non essendo dei più
gradevoli come odore,
da ottimi risultati: svuo-
tare il tabacco da due
pacchetti di sigarette in

un litro di acqua, e aggiungere un dente d'aglio e una cipolla (que-
sti ultimi sono opzionali ma consigliati). Lasciare la miscela ottenuta
in un recipiente di vetro aperto e al sole per un paio di giorni.
Trascorso questo tempo, filtrare la miscela e aggiungere un cuc-
chiaio di sapone da bucato biodegradabile. Questa miscela si
dovrà nebulizzare sulle piante una volta alla settimana per un mese,
fino alla scomparsa dei parassiti e delle loro uova.
Un'altra ricetta casalinga che previene ed eradica i parassiti, di
odore un po' meno schifoso, è la seguente: un litro di acqua con
5% di alcol etilico a 96°, 10 gocce di detersivo biodegradabile e
un cucchiaio di sapone, sempre biodegradabile. Questa formula
non si deve usare sulle cime già formate perché l'alcol dissolve la
resina.
Se si seguono correttamente le norme di base di igiene e prevenzio-
ne, è difficile che i parassiti i accedano ad un impianto indoor ben
sistemato.

 

21. ALCUNI SUGGERIMENTI PER L'IMPIANTO